L’unico vino al mondo che cambia sapore e profumo ruotando il bicchiere per 7 volte costa 340.000 euro a bottiglia

Una bottiglia in edizione limitata dell’azienda spagnola è stata disegnata dal giovane pittore Alberto Rodríguez e ha una caratteristica unica.

0
1294
La Notizia

Trecentoquarantamila. È il costo, in euro, della bottiglia di vino più preziosa al mondo, proveniente da Cuenca e in particolare dalla città di Las Pedroñeras. Ma il suo costo potrebbe continuare a crescere grazie alle nuove offerte che giungono dai buyer di tutto il mondo, incuriositi da un prodotto che ha delle caratteristiche uniche. Hilario García, produttore di questo vino in edizione limitata e titolare dell’azienda AurumRed (“Oro rosso” in spagnolo) assicura infatti che il suo prodotto non diventerà mai aceto (senza ricorrere a prodotti chimici) e migliora nel corso degli anni, ma soprattutto che è l’unico vino al mondo che cambia sapore e profumo semplicemente ruotando il bicchiere in senso orario per sette volte.

Mi sono sempre chiesto come avrei potuto rendere felice il maggior numero di persone con uno stesso vino, come poter introdurre sapori ed aromi differenti” spiega Hilario García “e dopo innumerevoli esperimenti ho ottenuto un effetto unico, senza dover aggiungere nulla al vino, ma semplicemente trattando in modo adeguato la pianta, un segreto che non posso rivelare”. Il risultato di tale “magia”? ruotando il bicchiere in senso orario il sapore del vino diverrà più potente per quel che concerne l’intensità, e girando il bicchiere in senso opposto si ottiene una struttura più morbida e leggera, adattandosi quindi ai gusti di ogni appassionato.

Un vino acquistabile nella classica bottiglia da 75 cl ma che in questa edizione limitata è proposto in un contenitore da 16 litri, l’equivalente di 20 bottiglie della serie Gold, la più esclusiva della cantina spagnola. L’etichetta inoltre è stata disegnata da Alberto Rodríguez, giovane e promettente pittore spagnolo che ha esposto presso la prestigiosa Accademia di Belle Arti di Firenze. Ma come è venuta questa idea a García? Tutto ha avuto inizio quando Hilario ha dovuto affrontare una grave malattia che lo ha costretto a provare più cure: esser guarito grazie ad un trattamento a base di ozono ha fatto nascere in lui grande curiosità verso questa sostanza. “La prima cosa a cui ho pensato è stata allestire un piccolo laboratorio per indagare sull’ozono, volevo scoprire se poteva essere utile in altre patologie. Poi l’ho utilizzato in campo veterinario riscontrando enormi vantaggi. Successivamente ho iniziato ad usarlo con le piante, a cominciare da specie come la cipolla, fino a quando alla fine ne ho testato i benefici sulla vite”.

Oggi, l’azienda di Hilario García offre due diverse serie di vini, la ‘de oro’ (oro) e la ‘de palta’ (argento). Il primo ha un prezzo di 25.000 euro a bottiglia, il secondo di 1.250; cifre che possono variare anche a seconda della domanda. “Il mercato è quello che decide il prezzo finale delle bottiglie, basandosi sul loro valore e sull’interesse di addetti ai lavori ed appassionati” chiarisce García, che aggiunge “Le sensazioni che si percepiscono assaggiandolo sono meravigliose, oltre che complesse. Ma non è facile descriverle. È come l’amore, va messo alla prova per sapere cos’è”.