Officina Milano: il cocktail bar riduce l’orario di lavoro e aumenta gli stipendi

Officina è il cocktail bar milanese in cui si lavora 5 giorni a settimana e gli stipendi sono più alti, perché la felicità dei dipendenti conta tanto quanto il successo del locale.

0
294
La notizia

Il cocktail bar milanese Officina è diventato famoso nel 2020 per essere entrato a far parte della prestigiosa classifica The World’s Best Bar. Adesso, a distanza di due anni, è tornato a far parlare di sé, ma per motivi ben più nobili. La scelta del Ceo Giorgio Santambrogio è stata quella di investire le risorse aziendali per incrementare il benessere dei dipendenti.

Giorgio Santambrogio

Come? Riducendo la settimana da 6 a 5 giorni lavorativi e aumentando contestualmente gli stipendi di bartender e camerieri.  I motivi di questa decisione li spiega Giorgio Santambrogio affermando che “Officina ha avuto la fortuna di ricevere molti riconoscimenti in brevissimo tempo e molti di questi sono arrivati dopo soli 3 anni dall’apertura. Un ottimo risultato, visto che di solito ci vuole più tempo in questo settore per farsi conoscere. Dopo aver ottenuto questi premi abbiamo capito che sì, sono belli, ma non cambiano la qualità della vita di chi fa questo lavoro, ovvero le persone. Ci siamo detti, allora, che la vera vittoria sarebbe stata creare un team solido, composto da persone che vogliono far parte di una squadra e di un progetto e che non cerchino solo di ottenere un lavoro qualsiasi”.

Per questo motivo, io e il mio mentore Raffaello, (l’investitore che ha reso possibile la nascita di Officina) abbiamo pensato di scommettere tutto su quello che reputiamo il vero ed unico valore aggiunto di un bar”. Giorgio afferma che se, da un lato, per un cocktail bar la qualità dei drink e la cura con cui il locale viene gestito sono molto importanti, dall’altro l’attenzione per questi aspetti non deve far passare in secondo piano l’etica, col rischio che si realizzino condizioni di lavoro negative -se non addirittura tossiche- per i dipendenti.

Oltre alla rimodulazione dei turni di lavoro e all’aumento dei salari, i dipendenti di Officina potranno anche usufruire di due tipologie di bonus: uno di tipo economico che sarà commisurato al fatturato mensile e ai traguardi raggiunti, e l’altro che verrà assegnato ai “dipendenti del mese” in forma di brevi vacanze, giornate in spa o altri premi che siano in grado di favorire la salute fisica e mentale di chi lavora. Officina ha trovato la chiave, l’equilibrio tra benessere del locale e quello dei dipendenti, e l’augurio è che molti altri nel settore possano seguire la scia di questo cocktail bar. Anche perché, se si lavora in condizioni appaganti si è più felici e di conseguenza più produttivi.

Fonte: forbes.it

Trovi qui l’articolo cliccabile