Svelate le 100 migliori cantine del mondo per il 2021: l’Italia non è sul podio ma solo sesta. Ecco la classifica completa

La prestigiosa World’s Best Vineyards incorona quattro cantine italiane fra le migliori strutture capaci di integrare bellezza architettonica e produzione vinicola di qualità. In testa alla classifica Antinori, progettata dell’architetto Marco Casamonti.

0
1098
La notizia

Sono quattro le cantine italiane segnalate quest’anno dalla prestigiosa World’s Best Vineyards 2021, ossia la lista delle 100 strutture ricettive più attraenti al mondo. Prima tra le italiane c’è la toscana con la Famiglia Antinori, che scala ancora posizioni e dal 9° arriva al 6° posto della classifica, risultando così tra le massime eccellenze mondiali con il progetto architettonico dell’architetto Marco Casamonti, da tutti definito un capolavoro assoluto di bellezza e integrazione paesaggistica.

La struttura è stata aperta al pubblico nel 2012, dopo sette lunghi anni di lavori, ed oggi è un punto di riferimento per l’enoturismo internazionale. Visitata da molti winelovers, ma anche da appassionati di architettura e da turisti in generale, la cantina della Famiglia Antinori fa capire chiaramente come cultura vinicola e senso del bello possano avere una forza attrattiva possente, se coniugate nel giusto modo.

Chiaro che a questi livelli per fare la differenza sia necessaria la forza economica di un’azienda che abbia le radici nella tradizione, nel caso specifico del Chianti classico, e un presente di solidità e stabilità sui mercati. Altrimenti resta un sogno poco realizzabile; anche se il processo imitativo può essere innescato comunque e a qualsiasi livello, perché la lezione che si apprende dalla Famiglia Antinori è quella che solo con la cura dei dettagli è possibile attivare un processo virtuoso di accoglienza che richiami gli enoturisti. Non ha importanza, quindi, se ci si muova a livello familiare con piccole cantine che producono poche migliaia di bottiglie l’anno; oppure a dimensione industriale. I dettagli fanno la differenza sempre.

New entry italiana del 2021 è Ferrari, una delle più lusinghiere attestazioni di bollicina Trentodoc. Con i loro spumanti ormai si brinda nei parterre internazionali. La si trova alla 61° posizione in classifica, nella parte bassa della lista quindi, e questo la dice lunga di quanta strada c’è ancora da fare per farsi apprezzare ai massimi livelli. Ricordiamoci però che sempre di una lista si tratta, ossia una formula per ordinare e dare senso alla magmatica attività work in progress del genere umano. Classificare è capire il mondo. La World’s Best Vineyards 2021 va quindi tenuta in considerazione come un’indicazione di massima, non va presa alla lettera. Resta il fatto che richiama l’attenzione sul lavoro fatto dalla famiglia Lunelli, invitando a scoprire le storiche cantine Ferrari e Villa Margon, sede dell’azienda e della Locanda Margon, ristorante una stella Michelin guidato dallo chef Edoardo Fumagalli.

Crediti locanda Margon

In posizioni più basse ancora troviamo altre due eccellenze italiane. 73sima in classifica è Ceretto, purtroppo scivolata bruscamente in basso da un anno all’altro, visto che nel 2020 occupava la 21ma posizione. Ceretto è una importante realtà delle Langhe, territorio a grande vocazione viticola, i cui paesaggi da pochi anni sono diventati Patrimonio dell’Unesco. Anche in questo caso la famiglia ha investito e investe nel bello per unirlo al buono e salubre del prodotto vino con opere di architettura contemporanea visionaria, come l’Acino, una bolla trasparente che consente di fare degustazioni di fronte alla vista mozzafiato dei vigneti. La famiglia punta molto anche sull’alta ristorazione con il ristorante tre stelle Michelin di Alba, affidato ad un signore di nome Enrico Crippa, chef di fama mondiale. 

Crediti Cantina Ceretto

A chiudere la pattuglia italiana in posizione 83 è Gaja, cantina produttrice di Barbaresco situata nel cuore delle Langhe, di proprietà di Angelo Gaja. Solo da pochi anni accoglie visitatori e turisti e appassionati di vino, versando tutto il ricavato di questa attività in beneficenza (la visita su prenotazione costa 300 €). I suoi vini sono forse tra i più famosi d’Italia, tanto che la cantina ne è diventata il simbolo.

 

Ecco la classifica completa

1 – Zuccardi Valle de Uco – Argentina

2 – Bodegas de los Herederos del Marqués de Riscal – Spagna

3 – Château Margaux – Francia

4 – Bodega Garzón – Uruguay

5 – Montes – Cile

6 – Antinori nel Chianti Classico – Italia

7 – Catena Zapata – Argentina

8 – VIK Winery – Cile

9 – González Byass – Bodegas Tio Pepe – Spagna

10 – Creation – Sudafrica

11 – Craggy Range – Nuova Zelanda

12 – Château Smith Haut Lafitte – Francia

13 – Champagne Taittinger – Francia

14 – Karam Wines – Libano

15 – Rippon – Nuova Zelanda

16 – Quinta do Crasto – Portogallo

17 – Clos Apalta – Cile

18 – Trapiche – Argentina

19 – Quinta da Aveleda – Portogallo

20 – Sikory Winery – Russia

21 – Château Oumsiyat – Libano

22 – Domane Wachau – Austraia

23 – Lefkadia Valley – Russia

24 – El Enemigo Wines – Argentina

25 – Henschke – Australia

26 – Familia Torres Pacs del Penedès – Spagna

27 – Soalheiro – Portogallo

28 – Vina Santa Rita – Cile

29 – Quinta do Noval – Portogallo

30 – Dalaire Graff Estate – Sudafrica

31 – D’Arenerg – Australia

32 – Abadìa Retuerta – Spagna

33 – Château Mercian Mariko Winery – Giappone

34 – Schloss Johannisberg – Germania

35 – Bodega Colomé – Argentina

36 – Château Mouton Rothschild – Francia

37 – Penfolds Magill Estate – Australia

38 – Quinta do Bomfim – Portogallo

39 – Château Héritage – Libano

40 – Robert Mondavi Winery – Stati Uniti (Best Vineyard Nord America)

41 – Vina Casas del Bosque – Cile

42 – Superuco – Argentina

43 – Bodegas Re – Cile

44 – Klein Constantia Winery – Sudafrica

45 – Viu Manent – Cile

46 – Weingut Dr. Loosen – Germania

47 – Ridge Vineyards Monte Bello – Stati Uniti

48 – Château Cana – Libano

49 – Quinta do Vallado – Portogallo

50 – Quinta do Infantado – Portogallo

51 – Château Pichon Baron – Francia

52 – Felton Road – Nuova Zelanda

53 – Bodega El Esteco – Argentina

54 – Opus One Winery – Stati Uniti

55 – Champagne Billecart-Salmon – Francia

56 – Quinta da Pacheca – Portogallo

57 – Stag’s Leap Wine Cellars – Stati Uniti

58 – Château Mukhrani – Georgia

59 – Château d’Yquem – Francia

60 – Quinta Nova de Nossa Senhora do Carmo – Portogallo

61 – Ferrari Trento – Italia

62 – Szepsy Winery – Ungheria

63 – Black Estate – Nuova Zelanda

64 – Seppeltsfield Barossa – Australia

65 – Atibaia – Libano

66 – Bodega Bouza – Uruguay

67 – Bodegas Salentein – Argentina

68 – Spier Wine Farm – Sudafrica

69 – Ata Rangi – Nuova Zelanda

70 – Château Qanafar – Libano

71 – Mission Hill Family Estate – Canada

72 – Babylonstoren – Sudafrica

73 – Ceretto – Italia

74 – Tyrrell’s – Australia

75 – Château Haut-Brion – Francia

76 – Viñedos de Alcohuaz – Cile

77 – Domaine Sigalas – Grecia

78 – Cullen Wines – Australia

79 – Man O’ War Vineyards – Nuova Zelanda

80 – Gai-Kodzor – Russia

81 – Pago de Carraovejas – Spagna

82 – Château Khoury – Libano

83 – Gaja – Italia

84 – Steenberg – Sudafrica

85 – Bodegas Tradición – Spagna

86 – Groot Constantia – Sudafrica

87 – Viña Errázuriz – Cile

88 – Waterford Estate – Sudafrica

89 – Domaine Weinbach – Francia

90 – Krsma Estates – India

91 – Kumeu River Wines – Nuova Zelanda

92 – Jordan Vineyard & Winery – Stati Uniti

93 – Wine Cellar Villa Melnik – Bulgaria

94 – Domaine Henri Bourgeois – Francia

95 – Viña Casa Marín – Cile

96 – Villard Fine Wines – Cile

97 – Tokara Winery – Sudafrica

98 – Haute Cabrière – Sudafrica

99 – Leeuwin Estate – Australia

100 – Marqués de Murrieta Estates & Wines – Spagna

 

Fonte: winenews.it

Foto: Sito web dell’azienda Antinori