Collezionisti di whisky scaenati: il re della torba e guru scozzese Jim McEwan mette all’asta le sue bottiglie

Whisky Auctioneer e Dramfool hanno collaborato per organizzare la vendita di rari imbottigliamenti dalle riserve personali della leggenda scozzese Jim McEwan.

0
93
La Notizia

Per molti è conosciuto come il padrino del torbato: “Quando abbiamo portato per la prima volta il whisky torbato in America la gente pensava che in me ci fosse qualcosa che non andava”. Parole di Jim McEwan, leggendario maestro distillatore, alla guida per quasi quaranta anni, della distilleria scozzese Bowmore e, successivamente, per quindici anni di Bruichladdich, passando da apprendista al ruolo di ambasciatore globale del marchio. Una figura di riferimento nel mondo dei distillati, che ha deciso di mettere all’asta alcune preziose bottiglie della sua collezione personale: 27 diversi imbottigliamenti che comprendono Octomore che McEwan definisce “uno dei miei figli più cari” e che si è guadagnato la nomea di “whisky più torbato del mondo”.

La selezione di rari imbottigliamenti, provenienti dalle riserve personali della leggenda scozzese, è avvenuta da parte di Whisky Auctioneer, nota casa d’aste online, dall’11 al 15 marzo 2021. Oltre alle bottiglie, durante l’asta, è stato possibile aggiudicarsi anche un’esclusiva esperienza di degustazione privata con McEwan. Il 100% dei proventi raccolti dalla degustazione sarà donato alla Scotland’s Charity Air Ambulance. “È meraviglioso vedere imbottigliata, pronta per essere gustata, questa raccolta delle mie ultime botti. Mentre arrivano sul mercato, mi guardo indietro. Sono 58 anni di produzione di whisky e mi entusiasma ancora vedere cosa sta succedendo”, ha dichiarato il grande distillatore.

È stato Dramfool, imbottigliatore indipendente con sede in Scozia, a imbottigliare la gamma sotto la supervisione di McEwan: “La nostra collaborazione con Jim è nata da un perfetto equilibrio tra fortuna e duro lavoro”, spiega il fondatore Bruce Farquhar. McEwan ha sottolineato: “Mi piace la personalità di Dramfool ed è di questo che si tratta; menti simili e apprezzamento per la qualità e comprensione della sua origine”.

La collezione Jim MC Ewan Signature

Questo successo ha chiuso un anno eccezionale per Whisky Auctioneer che ha ospitato ben 17 aste online nel 2020. Nel febbraio dello stesso anno ha fatto la storia quando una bottiglia di The Macallan etichettata da Valerio Adami è stata acquistata per una cifra superiore al milione di dollari. Solo tra la metà di ottobre e la metà di novembre 2020, la casa, ha vissuto il suo mese più florido in termini di valore e volume delle sue aste. Una crescita in controtendenza con il periodo di crisi determinato dalla pandemia. Infatti, all’inizio dell’emergenza in molti temevano che il futuro delle aste sarebbe stato compromesso.

The Macallan etichettata da Valerio Adami

Durante il pieno periodo pandemico, l’esito positivo delle aste è stato al passo con la crescita del whisky come merce. Quest’ultimo si è infatti rivelato un investimento decisamente favorevole per una serie di ragioni. Collezionisti, investitori e bevitori di whisky e liquori, chiusi in casa, hanno avuto più tempo per visionare le aste online. E, con le disposizioni relative alle spedizioni e il distanziamento sociale, le case d’asta hanno messo in vendita una minore quantità di bottiglie comportando – conseguentemente – l’aumento della domanda e dei prezzi.