Chi sono i migliori chef emergenti? Ecco quelli preferiti dai clienti gourmet. Seconda parte

Abbiamo chiesto a 12 clienti illustri, frequentatori seriali di grandi tavole, di indicare ciascuno un cuoco emergente: ecco la seconda parte con i nomi, più o meno famosi.

0
5121
Gli Chef

Felice Marchioni

“Dico Paolo Griffa del Petit Royal di Courmayeur. Possiede una tecnica fenomenale, che applica in modo creativo. A colpirmi è stato soprattutto il soufflé di barbabietola, qualcosa di imprevedibile; ma anche il gambero in gelatina a forma di parallelepipedo. Perché i piatti oltre che buoni, sono anche bellissimi”.

 

Gianni Revello

“Dico due nomi su tutti, ma vincono ai punti. Oliver Piras (Ristorante Aga), il giovane che in assoluto mi è piaciuto di più per la solidità tecnica, mai sottomessa alle idee, e Gianluca Gorini (Ristorante Da Gorini)”.

 

Davide Ribotta

“Dico Matteo Borsari dell’Opificio di Novara: quando vado lì sto bene. C’è il vino, c’è lo Zalto, c’è una cucina interessante e certe sere anche il jazz. Lui ha fatto studi artistici, non viene dalle grandi maison, ma ama la moda e costruisce i piatti su ceramiche particolari, con un’attenzione particolare per l’estetica. In una piazza difficile come Novara, da una parte fa bistrot, dall’altra gourmet. Ed è già un miracolo”.

 

Alberto Rigolio

“Dico Alessandro Sciortino e Nicholas Carusio di Saur, a Barco. Perché aprire un ristorante gourmet basato su prodotti del territorio, ma lontano dalle solite piazze, è una bella scommessa.

E poi Mattia Angius di Tipografia Alimentare a Milano per l’uso dei vegetali, che distingue il locale dalle enoteche con cucina e dai bistrot moderni”.

 

Orazio Vagnozzi

“Dico anche io Marco Ambrosino. Ci sono almeno tre motivi. Si mangia bene ed è originale, quello che fa non si vede altrove. Non è ripetitivo, anche se ha qualche piccolo cavallo di battaglia. È stagionale, quindi abbordabile, eco e sociosostenibile. E anche questo è un po’ di moda, ma mi piace”.

 

Letizia Zinno

“Dico Maicol Izzo di Piazzetta Milù: dall’apprendistato con i grandi ha guadagnato una mano precisa, senza titubanze, nel solco della tradizione ma con enorme fantasia. Inoltre ha fatto esperienza anche in pasticceria, branca per la quale nutro un vero e proprio debole, in quanto richiede precisione, equilibrio, armonia e creatività”.

Guarda qui la prima parte di chef emergenti preferiti dai clienti gourmet