Da chef 2 stelle Michelin a “contadino” che ha creato la prima fattoria d’hotel al mondo: il nuovo progetto di James Noble

ORI9IN è l'unica azienda agricola a livello globale che promuove l'approvvigionamento locale e il cibo proveniente da fonti sostenibili nell’ambito dell’hotellerie. Fondatore del progetto, James Noble, chef bistellato che ha scelto di cambiare vita dedicandosi alle coltivazioni biologiche.

0
154
La notizia

L’obiettivo che i grandi chef perseguono è quello di portare l’eccellenza dalla terra alla tavola, regalando ai clienti un’esperienza dai sapori, colori e profumi indimenticabili. Ma per farlo, oltre a un’enorme conoscenza tecnica, al servizio impeccabile e all’energia, ci vogliono anche ingredienti di qualità. Chef James Noble, proprietario di diversi ristoranti stellati nel Regno Unito, ha fondato ORI9IN, una fattoria biologica in Thailandia che si occuperà di raccogliere i prodotti destinati alla cucina gourmet di oltre 15 chef, attivi in altrettanti locali e hotel del paese.

Crediti Ori9in The Gourmet Farm

“Il lusso sta cambiando, la cucina raffinata sta cambiando, quello che le persone vogliono è sapere da dove proviene il cibo, ha affermato James Noble. “Ecco perché mostriamo e offriamo loro solo ingredienti sostenibili coltivati ​​localmente. Anche questo è turismo, che però non lascia impronte sul territorio: stiamo cercando di mostrare alle persone che puoi passare una giornata fuori senza danneggiare i posti che sei venuto a visitare. Penso davvero che dovremmo cambiare la ristorazione e il nostro business. Dovremmo non soltanto pensare ai nostri affari, ma anche proteggere e migliorare la salute e i mezzi di sussistenza della comunità locale. Nel mio piccolo, spero anche di ispirare le persone a ripensare al modo in cui i prodotti vengono coltivati ​​e preparati. I nostri figli hanno bisogno che facciamo le cose in modo diverso. Dobbiamo coltivare per il futuro.”

Crediti Ori9in The Gourmet Farm
Crediti Ian Taylor

Oltre ai prodotti locali di stagione come il basilico rosso, la citronella e il frutto della passione, la fattoria coltiva anche vari tipi di pomodori, foglie di insalata e ingredienti specializzati come il pepe di padrón e una vasta gamma di frutta, verdura ed erbe aromatiche che altrimenti dovrebbe essere importata dalla Spagna per ricreare l’autentica cucina mediterranea che molte insegne locali propongono nei loro menu. Tra gli alberghi di lusso che la fattoria fornirà, ci sarà anche il Meliá Chiang Mai, che debutterà l’8 aprile nel nord montuoso della Thailandia: questa struttura sosterrà centralmente il progetto di Noble, in quanto mira a lavorare a stretto contatto con gli agricoltori locali, per aiutarli a migliorare la sostenibilità e incoraggiare la produzione etica.

Crediti Meliá Chiang Mai
Crediti Ian Taylor

Un progetto, dunque, quello di ORI9IN, di agricoltura, turismo e ristorazione sostenibile a 360°; è infatti così che si chiama la nuova iniziativa (360 ° Cuisine di Meliá Chiang Mai, ndr) che incoraggerà i visitatori a visitare la fattoria dell’hotel, dando loro la possibilità di incontrare gli agricoltori locali e informarsi sull’agricoltura sostenibile e un’alimentazione più sana. Gli ospiti potranno conoscere la provenienza del loro cibo, per poi gustarlo attraverso gli antipasti, i secondi e i dolci del ristorante dell’albergo.

Crediti Ian Taylor

Gli ingredienti della fattoria saranno presenti anche in varie bevande dei bar dell’hotel e nell’esclusiva Spa di Meliá. Infine, proprio come gli ingredienti sono passati dalla fattoria al piatto, dal piatto ritorneranno alla fattoria: i rifiuti alimentari verranno riportati ai campi come compost, riducendo così al minimo gli sprechi. Sostenendo l’approvvigionamento locale e il cibo proveniente da fonti sostenibili, ORI9IN è l’unica azienda agricola a livello globale che collabora con una rete di ristoranti e hotel in questo modo, sostituendo le importazioni e la riduzione della propria impronta di carbonio senza sacrificare il sapore.

Fonte: bizjournals.com

Foto di copertina: Crediti Ian Taylor