Quali sono i 10 Paesi del mondo che bevono più vino

Un rapporto dell’International Organisation of Vine & Wine riporta e confronta i trend mondiali di vino sia a livello Paese che pro-capite. Ecco quali sono i primi 10.

0
101
Il Vino

Se è vero che la pandemia, i lockdown e le restrizioni a cui siamo stati costretti in quest’ultimo anno e mezzo hanno contribuito ad aumentare esponenzialmente  la vendita di vino online è, ahimè, altrettanto vero che il consumo globale di vino secondo l’International Organisation of Vine & Wine (OIV) nel 2020 è diminuito del 3%

La richiesta mondiale di vino nel 2020 è stata di circa 234 miliardi di ettolitri l’anno pari a 23,4 miliardi di litri: la minor quantità di vino bevuta in un anno dal 2002, anche se si tratta ancora solo di una stima.

Sicuramente il Covid ha impattato sul consumo di vino così come era avvenuto nel 2008-2009 dopo la crisi finanziaria globale. “Ad eccezione del Prosecco, lo spumante è la categoria dei vini che ha sofferto di più nel 2020. Le vendite di vino bag-in-box hanno registrato un forte aumento delle vendite anche se i volumi complessivi rimangono bassi”, ha dichiarato l’OIV.

Sempre l’OIV, tuttavia, ha anche sottolineato differenti trend di crescita tra i diversi Paesi. In Cina, per esempio, lo scorso anno si è registrato un calo del 17%, segnando il terzo anno di “forte calo”, mentre gli Stati Uniti sono rimasti stabili rispetto al 2019, dato a cui ha sicuramente contribuito l’e-commerce.

La top ten dei Paesi che registrano il maggior consumo di vino vede sul podio gli Stati Uniti seguiti poi da Francia e Italia, si posizionano poi Germania, Regno Unito, Cina, Russia, Spagna, Argentina e Australia.

Di seguito la classifica:

USA – 33 milioni di hl (invariato nel 2019)

Francia – 24,7 Milioni hl (invariato nel 2019)

Italia – 24,5 Milioni hl (+ 7,5%)

Germania – 19,8 Milioni hl (+ 0,2%)

Regno Unito – 13,3 Milioni hl (+ 2,2%)

Cina – 12,4 Milioni hl (in calo del 17,4%)

Russia – 10,3 Milioni hl (+ 3%)

Spagna – 9,6 Milioni hl (-6,8%)

Argentina – 9,4 Milioni hl (+ 6,5%)

Australia – 5,7 Milioni hl (-3,7%)

La situazione varia ulteriormente, però, se si considera il consumo di vino pro-capite. Un grafico condiviso dall’American Association of Wine Economists (AAWE) su Twitter all’inizio di quest’anno ha presentato i litri medi di vino bevuti per persona (di età superiore ai 15 anni) nel 2018.  Il Portogallo è in testa con una media di 62,1 litri pro capite, seguito dal Lussemburgo con 55,5 litri, dalla Francia con 50,2, dall’Italia con 43,7, dal Regno Unito con 22,6 e infine dagli Stati Uniti con 12,4 litri.

Un altro grafico sempre della AAWE evidenzia, inoltre, come il consumo di vino francese si sia approssimativamente dimezzato su base pro capite negli ultimi 50 anni. Questo grafico proviene dal database annuale dei mercati mondiali del vino 1835-2018, recentemente aggiornato e reso disponibile gratuitamente dal Wine Economics Research Center dell’Università di Adelaide.

Anche l’Italia ha visto diminuire i consumi da circa 100 litri pro capite dal 1970, come mostrano i dati raccolti dal professore emerito Kym Anderson e dal professore di storia economica Vicente Pinilla (con l’assistenza di AJ Holmes), dell’Università di Adelaide e dell’Università di Saragozza.

Fonte: decanter.com