Pasqua e Pasquetta a Milano tra pernottamento con pranzo in hotel di lusso e delivery esclusivo: le proposte di Armani e Gallia

La chiusura resta ermetica, ma gli chef si ingegnano per celebrare la Pasqua come consentito, quelli che operano in hotel perlopiù in staycation, gli altri in delivery.

0
72
L'Evento

La proposta di Armani Milano si chiama “Weekend di Pasqua”. Prenotando una camera o una suite per il fine settimana del 3-4 aprile, gli ospiti potranno acquistare un pacchetto comprendente il pranzo firmato dallo chef Francesco Mascheroni, che si svolgerà al settimo piano presso l’Armani/Ristorante.

Tra i piatti proposti, anche alcuni della tradizione come la Torta pasqualina, Uova sode biologiche, fiore del sale, Asparagi tiepidi al burro nocciola, salsa olandese, si continua con Come una lasagna, bolognese di vitello o i Mezzi paccheri pastificio Gentile, scorfano all’acqua pazza, il Baccalà mantecato, polenta soffiata e il classico Agnello cotto stufato alle erbe. Si chiude con i dolci simbolo della festività l’Uovo al cioccolato e la Colomba Pasquale con crema mascarpone.

Il prezzo è di 810 euro in camera deluxe e comprende prima colazione per due, anche in camera, pranzo per due, bevande escluse, e un benvenuto al cioccolato per i più piccoli.

“Cosa c’è di meglio a Pasqua che avere tante cose sul tavolo?”, commenta Mascheroni. “Il menu conviviale vuole essere il lancio per una nuova iniziativa, da implementare quando potremo riaprire. La mia idea è un pasto familiare, stagionale, ispirato alle tradizioni pasquali, con portate che vanno sporzionate, come la pasqualina, con l’aiuto dei ragazzi di sala. Ci sono le cose che piacciono a me e che farei per la mia famiglia, perché cucino sempre quello che vorrei mangiare. Per esempio, l’uovo sodo, che mi ricorda la Pasqua, quando da piccolo mi divertivo a disegnarlo con mamma e a sbucciarlo a tavola. Una cosa banale che riporta indietro nel tempo, a pensieri di giovinezza, e una tradizione che conservo a casa mia. Uova biologiche ma anche di quaglia, senza trucchi”.

Vincenzo e Antonio Lebano dell’hotel Gallia puntano invece sul delivery. Propongono un menu tutto italiano, alla riscoperta delle loro radici campane, dove la tradizione e i riti gastronomici vengono reinterpretati creativamente.

Quindi l’Antipasto all’italiana con selezione di salumi, formaggi e uova sode, la Giardiniera della nonna, gli Asparagi al vapore accompagnati dal Casatiello Napoletano, per primo la Lasagnetta di pesce con pesto leggero, seguita dall’immancabile Agnello al forno con patate, cipollotti e piselli. Conclusione obbligata è la Pastiera, novità del menu, preparata con la ricetta ottocentesca di un pasticciere napoletano e un’acqua di fiori d’arancio fatta in casa durante la quarantena. Può essere comprata anche da sola, a 7 o 15 euro, secondo le dimensioni.

Il prezzo è di 120 euro a coppia, compresi pane, grissini e friandises, con la possibilità di pescare da una selezione di etichette a cura del sommelier Paolo Porfidio, comprendente referenze italiane e Champagne. Si ordina fino al 2 aprile a terrazza.gallia@luxurycollection.com oppure chiamando lo 02 6785 3514.