Mayacamas Vineyards, storia di una delle aziende vinicole più leggendarie e iconiche della Napa Valley e del suo vino irripetibile

Si chiama Mayacamas Golden Hill Cabernet Sauvignon 2014, un vino che è già diventato leggenda. Realizzato con i migliori frutti raccolti nell’annata precedente all’incendio che colpì la Napa Valley, per il momento, è venduto al costo di 250 euro, .

0
42
La Storia

I terreni vulcanici sono più rocciosi che sporchi e forniscono un ambiente di crescita stimolante per le viti. Le uve di Cabernet che provengono da questi vitigni sono piccole, dal sapore intenso e sono perfette per fare un vino strutturato e complesso, in una parola sola prezioso”. Parole di Kris Kraner, direttore marketing di Mayacamas Vineyards, azienda vinicola della California situata sul Monte Veeder, nonché una delle aziende vinicole più leggendarie e iconiche della Napa Valley.

Fondata alle fine del 1800 e ristrutturata a metà del 1900 da Bob Travers, che ha inserito il Cabernet Sauvignon nella tenuta nel 1971, l’azienda dal 2013 è di proprietà della famiglia Schottenstein.

Siamo entusiasti di dare nuova energia ai vini grazie a questo terreno situato in una posizione unica, seguendo sempre lo stile classico del Mayacamas Cabernet Sauvignon” afferma Braiden Albrecht, enologo dell’azienda.

I resti bruciati della distilleria dei vigneti di Mayacamas.

Il 2021 si prospetta un anno significativo per Mayacamas che vedrà la prima annata dopo l’incendio che danneggiò la maggior parte dei vigneti nel 2017. Il reimpianto, avvenuto l’anno seguente, è stato supervisionato da Phil Coturri, che ha lavorato con il team di Mayacamas: “Phil coltiva uva nelle montagne di Mayacamas da decenni, quindi il valore della sua consulenza è inestimabile” afferma Albrecht.

Si è puntato su un’agricoltura rigenerativa e sul potenziale olistico della tenuta che Albrecht considera una “forza trainante” nella filosofia di Mayacamas. Un aspetto interessante di questa filosofia è l’agricoltura secca, che sviluppa robuste strutture radicali nelle viti mentre si sforzano di cercare l’acqua.

Stiamo puntando sull’agricoltura a secco per la maggior parte dei nostri blocchi e abbiamo già trasferito un certo numero delle nostre recenti piantagioni all’allevamento a secco”, afferma Albrecht, che aggiunge “Prevediamo di restituire la Golden Hill all’agricoltura a secco una volta stabilizzate le nuove viti. Con i progressi fatti nella viticoltura e con una più profonda comprensione di questo sito, ora siamo meglio attrezzati per la semina e i raccolti futuri”.

Albrecht definisce quello di Golden Hill uno dei “blocchi di Cabernet meglio posizionati”, compreso in un vigneto situato a 2.200 piedi di altitudine con esposizione a sud-ovest di fronte alle sorgenti di Redwood Creek. Aggiunge, inoltre, che questo posizionamento consente alle viti di maturare in modo uniforme e di godere di “lunghe giornate di maturazione al di sopra della nebbia estiva ma senza temperature estreme”.

Golden Hill fa parte di una proprietà di 475 acri su cui solo 50 acri sono piantati a vigneto, con molte microzone uniche riparate all’interno. “Queste caratteristiche hanno un enorme impatto sulle condizioni di crescita e maturazione grazie ad elementi naturali come l’ombra della chioma della foresta e l’intensità del vento”, afferma Albrecht. Indica una sezione nell’angolo nord-est di Golden Hill che è delimitata da una fitta foresta che offre l’ombra del mattino. Descrive le mattine estive in questo piccolo posto, dove temperature e umidità più fresche restano un po’ più a lungo che altrove nell’isolato. “L’impatto della natura selvaggia sui vigneti è affascinante”, afferma.

 

Il connubio tra la filosofia di Mayacamas e le caratteristiche del territorio danno vita a un vino incredibile: l’annata 2014 di Mayacamas Golden Hill Cabernet Sauvignon, disponibile in bottiglie singole con prezzi che si aggirano intorno ai 250 euro a bottiglia o in speciali box con altri imbottigliamenti di pregio, è stata realizzata con i migliori frutti raccolti da un’annata precedente all’incendio e, parole testuali di Albrecht “non potrà essere riprodotta, così come l’annata non potrà essere ripetuta allo stesso modo, e ciò rende speciale ogni singolo imbottigliamento”.

Fonte: Forbes.it