Eletto il miglior whisky del mondo per il 2020: a sorpresa vince il Dewar’s Double Double 32 Year Old

Offre un'esperienza degustativa elevata e sottolinea le capacità del suo blender, vincitore anche del Master Blender of the Year Il finishing in botti di Sherry PX porta in dote un plateau di frutta matura

0
88
La Notizia

Rivoluzione e grande sorpresa al Concorso Internazionale del Whisky di quest’anno. A vincere  è stato un blended di pregio che ha superato preziosi single malt, per anni considerati dagli intenditori come le più eleganti espressioni di scotch al mondo. Ad aggiudicarsi il concorso è stato il Dewar’s Double Double 32 Year Old, provocando uno shock nei molti appassionati. Il single malt si basa per intero sulle solide caratteristiche dell’orzo maltato; lo scotch blend invece include una maggiore componente di distillato di grano più leggero. Questo lo rende appetibile ad un pubblico più vasto, che in effetti rappresenta i tre quarti di tutte le vendite di scotch nel mondo.

Gli esperti però vedono i blended come “figli di un dio minore”, svalutando o sottovalutando la difficile arte della fusione; che necessita di grande preparazione e conoscenza delle tecniche necessarie per amalgamare un assortimento di liquidi, la cui somma totale sia maggiore dei singoli. Il panel che ha assegnato al vincitore un punteggio di 96,4 su un potenziale di 100, sufficiente per battere centinaia di concorrenti, comprendeva il distiller e creatore di whisky Sébastien Gavillet e il mixologo di fama mondiale Francesco Lafranconi. 

Sviluppato dal leggendario master blender e distiller A.J. Cameron alla fine del secolo scorso, il processo di creazione del Dewar’s Double Double 32 Year Old prevede lo spostamento dei liquidi in più barili per integrare meglio le componenti aromatiche. La variante di 32 anni ha un finishing in botti di Sherry PX che porta il prodotto finale a trasudare un ricco plateau di frutta matura, che aiuta a sollevare una nota di fumo sul palato, prima che gli elementi si dissolvano del tutto.

Il Dewar’s Double Double 32 Year Old offre un’esperienza degustativa elevata e sottolinea le capacità del suo master blender, abile a calcolare con precisione le componenti che il tempo ha messo in gioco. Non sorprende quindi che la responsabile di questa particolare espressione di scotch, Stephanie MacLeod, abbia portato a casa anche il premio di “Master Blender of the Year”.

«Ho voluto ampliare i confini di ciò che in genere ci si aspetta nella categoria dei whisky», ha affermato MacLeod, che all’inizio di quest’anno aveva anche debuttato con uno scotch unico nel suo genere, perchè finito in botti di mezcal. «Siamo lieti del nostro successo nella competizione del 2020. Il premio va a tutto il team di Dewar che ha dimostrato un lavoro e una dedizione incessanti, per ottenere la migliore qualità e il miglior gusto per il nostro whisky, meravigliosamente realizzato nonostante le sfide che quest’anno abbiamo dovuto affrontare», ha concluso la MacLeod. Dewar’s Double Double 32 Year Old in origine era venduto a 150 dollari. Ora però è diventato molto più difficile da trovare – e prevedibilmente più costoso.