Bill Gates compra gli hotel Four Seasons e scommette sul lusso anche in Italia: 2 miliardi di dollari per un affare da record

Bill Gates assume il controllo degli hotel Four Seasons in un affare valutato intorno ai 2,2 miliardi di dollari. La catena alberghiera punta ad espandersi anche in Italia con nuove acquisizioni.

0
160
La notizia

Bill Gates diventa socio di maggioranza della catena di hotel di lusso Four Seasons, scommettendo su uno degli asset che in questi ultimi 2 anni ha maggiormente sofferto per lo stop ai viaggi. L’acquisizione costerà a Gates la cifra di 2,2 miliardi di dollari e sarà pagata in contanti, tramite la Cascade Investment, la società di investimenti della famiglia Gates.

Crediti Afp
Crediti Four Seasons Hotel Hong Kong

Si chiude così la serrata trattativa con il principe saudita Alwaleed bin Talal, che ha ceduto la metà della sua partecipazione in Four Seasons Holdings, diventando il secondo socio di maggioranza con una partecipazione pari al 23,71%. Le quote del magnate americano, diventato uno degli uomini più ricchi al mondo grazie al sistema di interfaccia computer/utente che ha reso semplice la vita ai possessori di personal computer, passano nel complesso dal 47,5% al 71,25%. I due miliardari erano entrati insieme in Four Seasons Holdings nel 2007. L’imprenditore canadese Isadore Sharp, lo storico fondatore del gruppo di hotel del lusso, con il 5% del pacchetto societario resta socio di minoranza.

Crediti Getty Images

Al di là delle cifre dell’affare, che già da sole valgono la prima pagina dei giornali finanziari, la vera notizia è che Bill Gates con questa operazione dimostra di credere nella ripresa del turismo di lusso, tanto da puntare forte su una delle catene alberghiere a cinque stelle più famose al mondo con i suoi 121 alberghi e resort sparsi in vari continenti.

Crediti Four Seasons Hotel Bali

Non va infatti dimenticato che la pandemia ha colpito duramente il settore dell’ospitalità, costringendo gli alberghi a una complicata e prolungata chiusura con relative perdite da capogiro. Purtroppo, nel momento in cui la diffusione dei vaccini ha permesso una timida ripresa del turismo organizzato in alcune parti del mondo, il dilagare della variante Delta, in America devastante forse e più dell’ondata precedente, ha impaurito i viaggiatori statunitensi che hanno annullato viaggi e vacanze.

Crediti Jamie McCarthy, Getty Images for Bill & Melinda Gates Foundation

Un sondaggio dell’American Hotel & Lodging Association ha evidenziato che molti americani, circa il 42% dei 2.200 interpellati, alla metà di agosto scorso avevano cancellato i piani di vacanze, senza far presagire l’intenzione di riprogrammare viaggi e soggiorni. Eppure, in una situazione precaria e non stabilizzata come l’attuale, l’investimento di Bill Gates, che chiaramente punta al dopo pandemia, sembra portare una boccata di aria fresca e ridare coraggio agli operatori. L’orizzonte è rivolto ai viaggiatori e turisti asiatici, in grado di spendere 5.000 dollari a persona nel settore dell’accoglienza di lusso. 

Crediti Four Seasons Florence

L’operazione investe anche l’Italia, nonostante nel nostro paese il turismo del lusso coinvolga appena l’1% delle strutture esistenti e il 3% dei pernottamenti. Il piano di crescita di Four Seasons Holdings, il cui programma dovrebbe essere rispettato anche con il passaggio di quote societarie, è quello di acquistare strutture di pregio nella Penisola. Tra queste sembra che il primo, appetitoso albergo sia il Danieli di Venezia, che potrebbe entrare a far parte della collezione canadese a partire dal 2026. Tutto questo perché, secondo alcune stime finanziarie, il settore dell’accoglienza del lusso in Italia ha un valore potenziale di 25 miliardi, che salirebbero a 60 aggiungendovi l’indotto.

Crediti Four Seasons Jakarta

Una fetta di torta che non va assolutamente trascurata. “Puntiamo a portare avanti una strategia di espansione e di crescita in Italia e per questo monitoriamo con attenzione le possibili occasioni per aumentare la nostra presenza, scegliendo partner che condividano con noi la visione di eccellenza e di unicità nel segmento del lusso, dove la concorrenza è sempre più elevata”, dice Justin Smathers, senior vice president development Europe.

Fonte: Financial Times

Foto di copertina: Crediti Getty Images