Recuperate 600 bottiglie di cognac in fondo al mare: potrebbero valere 200 mila euro l’una

Una equipe di sommozzatori ha riportato alla luce alcune casse di cognac e liquore francese di 100 anni fa.

0
1305
cognac
La Notizia

Anno 1917: mentre la prima guerra mondiale è in pieno svolgimento, una nave che trasporta decine di casse contenenti cognac e liquori provenienti dalla Francia e diretta in Russia, è affondata da un sottomarino tedesco poiché il suo carico viene considerato merce di contrabbando.

L’equipaggio del piroscafo svedese S/S Kyros riesce a mettersi in salvo ma il carico va a fondo in una zona poco distante dall’isola Aland nel Mar Baltico, dove vi è rimasto fino allo scorso mese. Trascorsi più di cento anni, dopo un lungo periodo di preparazione, la squadra di ricercatori di tesori affondati, formata dagli svedesi della Ocean X e dagli islandesi della Icelandic iXplorer, sono riusciti a raggiungere il relitto del battello, riportando alla luce il “tesoro”.

L’importanza di questo ritrovamento è enorme, poiché non si tratta solo di cognac e liquori estremamente rari, ma anche di una testimonianza di un capitolo della storia dell’ex Russia imperiale” ha dichiarato un portavoce dell’Ocean X Team.

Il relitto della S/S Kyros fu scoperto già nel 1999 ma il recupero del suo carico fu ritenuto in un primo momento troppo pericoloso. Successivamente, grazie all’utilizzo della tecnologia robotica è stato possibile recuperare 600 bottiglie di cognac De Haartman & co e 300 bottiglie di un liquore dei monaci benedettini. Il cognac non è più in produzione attualmente, mentre il liquore creato oltre 500 anni fa dai monaci è ora di proprietà di Bacardi.

Non si è ancora sicuri della corretta conservazione delle bottiglie, ma alcuni campioni sono stati prontamente inviati a laboratori in Svezia e a Mosca, in Russia, per essere analizzati. L’interesse verso le azioni di recupero di “tesori” di questo tipo è in costante aumento, e nel corso di quest’anno la Cookson Adventures ha offerto la possibilità di partecipare ad una operazione di salvataggio per recuperato del vino centenario da un relitto.

Lo Champagne più costoso di sempre è un Heidsieck del 1907: nel 1998 ne furono recuperate 2.000 bottiglie da una nave silurata da un sottomarino tedesco nel corso della prima guerra mondiale, ed il valore medio battuto nelle varie aste è stato di 275.000 dollari per bottiglia. Allo stesso modo si presume che le bottiglie di cognac recuperate potrebbero essere battute a valori simili.