Anteprima guida Espresso 2016: ecco i premiati

Come accade da qualche anno, ecco le anticipazioni di Ferragosto di una delle più importanti e autorevoli guide gastronomiche italiane.

0
9
La Notizia

Prime indiscrezioni suoi premiati della Guida Espresso 2016

Dice enzo vizzari: “Se solo una decina d’anni fa qualcuno si fosse spinto a profetizzare lo stato di grazia e di crescita costante con cui la cucina italiana arriva al 2016, lo si sarebbe preso per visionario o per provocatore. Si partiva da buoni presupposti, eppure sembrava lecito dubitare che un’altra generazione dorata di cuochi come quelli della Nuova Cucina Italiana (Bottura, Crippa, Alajmo, Uliassi, Scabin…) si sarebbe mai ripresentata”.

Come accade oramai da alcuni anni il giorno di Ferragosto, anche se quest’anno anticipato al 14, è quello in cui vengono date le anticipazioni di una delle più importanti e autorevoli guide italiane. Sempre secondo Vizzari, in nessuna regione si mangia tanto bene come in Piemonte, un continuo crescendo di piccoli e grandi indirizzi nei quali la qualità è eccellentemente spartita tra cucina, sala e cantina. E’ proprio da questa regione che viene la prima anticipazione della guida, ovvero il premio Pranzo dell’Anno assegnato allo chef Matteo Baronetto del ristorante Al Cambio di Torino.

E’ invece il Sud Italia a conseguire il premio Giovane dell’Anno. Più precisamente la Calabria, che sta vivendo un momento di particolare innovazione culinaria grazie ad alcuni giovani talenti. Tra questi c’è lui, Luca Abbruzzino del ristorante Antonio Abbruzzino a Catanzaro, che consegue appunto il premio Giovane dell’Anno.

Per il Riconoscimento alla Carriera bisogna salire un po’ e arrivare fino in Campania da Alfonso Iaccarino, che non smette mai di regalare emozioni con il suo ristorante Don Alfonso 1890, vera e propria istituzione della ristorazione italiana.

Queste le anticipazioni di Ferragosto della guida Espresso Ristoranti d’Italia 2016. Tutti gli altri nomi li scopriremo ad ottobre.

 

La fotografia di copertina è di Lido Vannucchi

Fonte: Repubblica.it

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here