DonnaE Bistrot: il locale dove puoi mangiare lucano fra i tetti di Roma

Un ristorante d’hotel in cui l’antica cucina lucana viene proposta in chiave moderna negli spazi di uno storico palazzo romano. Da DonnaE Bistrot va in scena la tradizione regionale rivisitata nella forma e nei sapori.

0
33
DonnaE Bistrot

L’hotel

L’Elizabeth Unique è un boutique hotel che si trova in via delle Colonnette, una traversa di via del Corso incastonata tra i vicoli stretti del centro storico. La struttura, arricchita da oggetti di lusso e opere d’arte che rendono gli ambienti piacevolmente accoglienti e che si possono ammirare nella breve passeggiata tra il corridoio dell’hotel e il ristorante, ospita al primo piano del palazzo Pulieri Ginetti il DonnaE Bistrot.

L’idea di dare vita a questo progetto in cui ospitalità e ristorazione si fondono in una sola struttura è di una famiglia lucana, i Curatella, già proprietari di diversi hotel sparsi tra Roma, Bologna e Venezia. Gli ospiti del DonnaE Bistrot possono scegliere se gustare le pietanze presenti in menu nella sala interna, oppure su una magnifica terrazza, appartata e silenziosa, in cui si ha la sensazione di cenare a casa di amici in una posizione privilegiata tra i tetti della Capitale, per un totale di circa 40 coperti divisi tra interni e esterni. L’ocra è il colore predominante dell’arredamento che unito a quadri, oggetti d’arte moderna e contemporanea e ampi specchi rende gli interni caldi e aiuta gli avventori a sentirsi coccolati e a proprio agio.

Il ristorante

L’accoglienza è il fiore all’occhiello della struttura; un membro dello staff è pronto a scortarvi con garbo dalla reception dell’hotel fino al ristorante, dove prendersi cura degli ospiti diventa la prerogativa -se non la missione- del personale di sala. Il restaurant manager e sommelier Dario Chieffallo accompagna coloro che scelgono il DonnaE Bistrot per costruire una personale esperienza gastronomica in tutte le sue fasi. Sulla stessa linea è anche il servizio di Manuel Petrillo, giovanissimo ma estremamente preparato.

Le origini lucane dei proprietari emergono chiare dal menu;  l’Executive Chef Riccardo Pepe, anch’esso originario del posto, reinterpreta ed esegue, in chiave moderna ed estrosa, ricette care alla tradizione di una regione del sud Italia che da dire in fatto di piatti tipici ha tanto.

La Basilicata è fortemente presente anche sul fronte materie prime, che arrivano in gran parte dalla regione natia dei proprietari e dello chef. Le proposte della cucina sono varie e per tutti i gusti. Il DonnaE inizia a servire ricche colazioni dolci e salate alle 7 di mattina, per continuare quando il sole è già alto con sfiziosi brunch e pranzi che accontentano sia clienti romani che internazionali.

Dalle 18 si prosegue con la carta snack, da cui è possibile attingere per accompagnare aperitivi incentrati su vini, bollicine e drink di alta qualità intrattenendosi fino all’ora di cena. La wine list raccoglie etichette che abbracciano, dal nord estremo al sud profondo, gran parte d’Italia.

I piatti

Anche per il menu dinner non manca la scelta tra diversi piatti che hanno in comune equilibrio di sapori e un ingrediente, il peperone crusco, orgoglio lucano nel mondo.

Le portate hanno tutte nomi dedicati che ne evocano i sapori: ad esempio, il Baccalà in tempura con crema di rafano lucano e cialda al nero di seppia si chiama Le Radici (di terra) e il Mare e realizza al palato un connubio felice tra le note piccanti del rafano e la croccantezza del pesce avvolto in una tempura perfettamente eseguita.

Sempre tra gli antipasti c’è Il Mediterraneo, un Polpo in insalata servito su una crema fresca di pomodorini, cipolla, mandorle e basilico; il pesce, morbido, mantiene intatti i sapori del mare e la crema mediterranea rende il morso avvolgente e cremoso, senza coprire il gusto autentico del mollusco.

Segue Poesia per Marinetti, uno studio sulla classica caprese composta da mozzarella e pomodori che Filippo Tommaso Marinetti aveva incoronato pietanza iconica del movimento Futurista e che la cucina del DonnaE propone in forma solida/liquida con un pomodoro ripieno di mozzarella adagiato su un crumble di olive nere che, alla vista, ricordano la terra che ha dato origine all’ortaggio. Più che una caprese, l’antipasto ricorda un pomodoro ripieno tipicamente estivo, ma i gusti sono convincenti e gradevoli.

Le Orecchiette di grano arso con peperone crusco e mollica di pane croccante gridano a gran voceBasilicata”; il nome del primo, infatti, è Tradizioni lucane. La pasta ha un retrogusto lievemente amarognolo che viene stemperato dalla naturale dolcezza del peperone crusco per un ottimo equilibrio di sapori.

Con il secondo assistiamo a un’inversione momentanea di ruoli: il restaurant manager diventa chef, spadellando un Filetto di manzo flambè direttamente in sala. La carne è cotta nel burro e panata con polvere di peperoni cruschi che, poi vengono aggiunti al piatto sia a pezzetti che in formato cremoso. Il filetto è tenero e la salsa lo avvolge senza occultare il gusto della materia prima.

Un Tiramisù con savoiardi autoprodotti conclude la cena; il dolce è forse la portata meno entusiasmante, ma nel complesso non si può negare che la cucina del DonnaE Bistrot abbia solide basi tecniche, fermo restando la qualità eccellente dei prodotti utilizzati.

Un luogo perfetto per i turisti che desiderano scoprire la città con il comfort di avere a disposizione, dalle 7 di mattina fino a mezzanotte, un ristorante poliedrico proprio all’interno dell’hotel che li ospita, ma anche per i romani che vogliono addentrarsi in un angolo di Lucania per trascorrere dei momenti fuori dal caos e dal tempo.

Indirizzo

DonnaE Bistrot

Via delle Colonnette, 35, 00186 Roma RM

Tel06 322 3633

Sito web