Conquista la seconda stella Michelin e aumenta subito i prezzi: tempesta di polemiche contro lo chef Dani García

Da 135 a 180 euro per un menu degustazione: questo il rialzo di prezzi con cui Dani García ha festeggiato la conquista della seconda stella Michelin, ottenuta dopo soli sei mesi di apertura. Ecco come spiega la sua scelta.

0
20845
La notizia

Quanto vale mangiare in un due stelle Michelin? Per Dani García, più di quando non ne aveva. Una scelta che non ha risparmiato l’insorgere di polemiche dopo la cerimonia per la presentazione della Guida Michelin Spagna e Portogallo 2022 in cui la Smoked Room di García (di cui vi avevamo già dato qualche anticipazione qui) in soli sei mesi di vita ha ottenuto direttamente due stelle Michelin.

L’improvviso riconoscimento “senza passare dal via” non è stato l’unico fattore di stupore a gravitare intorno allo chef, che già in passato si è dimostrato imprevedibile, come quando rinunciò alle tre stelle dopo un solo mese dalla loro assegnazione. Questa “stanza affumicata” che oggi “vale la deviazione” ha fatto eco soprattutto per l’annuncio del cuoco di Marbella circa l’aumento di prezzo del suo menu degustazione, che passerà da 135 a 180 euro a partire da gennaio.

Questa mossa crea inevitabilmente un parallelismo con Dabiz Muñoz, tristellato che qualche settimana fa è stato al centro di polemiche e dibattiti simili a causa dell’aumento del prezzo di DiverXo. Una scelta giustificata dall’innegabile incremento dei costi delle materie prime e dalla necessità di migliorare le condizioni dei suoi lavoratori. Così, seguendo l’esempio di Muñoz, Dani García ha annunciato una maggiorazione di 45 euro sul suo menu Omakase, che non comprende le opzioni di wine pairing -che variano tra 105 e 150 euro- affidate al sommelier Luis Baselga.

Come suggerisce il nome del percorso degustazione da 15 portate, dal giapponese Mi fido di te, il menu del bistellato Smoked Room lascia carta bianca allo chef nell’uscita dei piatti, portate coerenti con questo concept gastronomico che mescola l’essenza giapponese con il prodotto andaluso, in cui il fumo e le affumicature fanno da filo conduttore. Un locale esclusivo giocato sul concetto di luogo clandestino, come fosse una sorta di ristorante nel ristorantee spin off di altissima cucina del Leña Madrid che può ospitare solo 14 persone, tra il bar in stile giapponese con affaccio sulla cucina e altri due tavoli unici.

Fonte: lavanguardia.com

Foto: Pagina Facebook Smoked Room