Alfonso Crisci: arriva il nuovo ristorante a Nola

Lo chef sposta la location del suo Ristorante a Nola, un nuovo inizio, nuovi locali e tanta qualità.

0
1023
Alfonso Crisci Nola
La Notizia

L’avventura gastronomica di Alfonso Crisci continua

e il sogno cominciato diversi anni fa quando, il suo ristorante Taverna Vesuviana ha accolto i primi ospiti a San Gennaro Vesuviano in provincia di Napoli, si rinnova proprio in queste settimane.

Nuovi locali, nuove cucine e nuova location: Taverna Vesuviana riaprirà a Nola (in provincia di Napoli), città che gode di una posizione centrale, raggiungibile facilmente dal capoluogo campano, ma anche dalle vicine città di Caserta, Avellino, Salerno e Benevento, attraverso le arteria autostradali.

Si tratta di un miglioramento, non di un cambio di percorso, che si rifletterà anche nell’ identità visiva della struttura e sarà accompagnato da un nuovo logo, come  già annunciato sui social. Un lettering più elegante e sontuoso e dichiara tradizione italiana e un segno grafico che ricorda in parte la silhouette del Vesuvio, ma anche il segno distintivo, la firma, che lo chef mette nel piatto personalizzandolo.

Tra le novità anche un nuovo claim: si passa da “Filosofia del gusto” a “Fine dining boutique” per chiarire fin da subito la nuova direzione.

Un nuovo inizio, dunque e una nuova spinta sull’acceleratore del livello di qualità e di tecnica: “La mia cucina è innovativa ma legata alla tradizione – spiega lo chef Crisci – un apparente ossimoro che risolvo studiando con cura e interesse i piatti tipici della tradizione della mia terra reinterpretandoli in maniera sempre nuova, ma mai fine a se stessa. La cucina antica e i suoi prodotti, sani e genuini, mi offrono la possibilità di rendere fantasiosa la mia proposta, flessibile e malleabile a seconda dell’ispirazione o delle specifiche esigenze”.

Il mantra dello Chef è la continua ricerca, per poter accumulare esperienza e conoscenza; uno studio continuo fatto di piacere e impegno: tra aprile ed agosto di quest’anno è stato prima a Girona, poi a Copenhaghen e infine a Zurigo. Tre tappe fondamentali che l’hanno visto lavorare spalla a spalla con i migliori chef al mondo e che si rifletteranno di sicuro nel nuovo format della rinnovata Taverna Vesuviana. Un’avventura, quella di Alfonso Crisci, iniziata dunque tra i banchi della scuola alberghiera e continuata attraverso anni di studio e di incontri con tante esperienze all’estero. “Come le grandi storie d’amore, quella che mi lega alla cucina è cominciata quando a quattordici anni ho scoperto quello che sarebbe diventato il mio habitat naturale, il luogo dove poter esprimere con passione tutto il mio impegno e la mia creatività.”

La mia missione è soprattutto culturale” racconta Alfonso Crisci, “amo esaltare, valorizzandola, la semplcità: le mie origini sono la base su cui poggia un progetto ambizioso. E mi piace stare tra i miei ospiti, mostrare direttamente, spiegando pietanze e ingredienti, quanta passione c’è dietro ciò che stanno mangiando. Ogni informazione che passo, ogni curiosità su prodotti e portate, sono momenti di convivialità che trasmettono cultura e valori attraverso il cibo. Il mio regno non ha segreti, amo mostrare cosa avviene in cucina mentre lavoro ed ecco perché nella nuova Taverna Vesuviana avremo un’ampia cucina a vista”.

La mia idea è quella di proporre una cucina innovativa che sappia trasmettere e comunicare passione e cultura attraverso gli intramontabili sapori della nostra tradizione, l’estremo desiderio di unire, a tavola, gli aspetti più significativi di un patrimonio antico di cui spesso ci dimentichiamo. Il mio mestiere richiede amore, l’unica cosa che so dare”.