Tom Kerridge: lo chef stellato sfida la crisi con un menu a 17 euro

Rincari, aumento del costo della vita e spese che mettono in difficoltà gli inglesi. Ecco come lo chef stellato Tom Kerridge cerca di andare incontro alle esigenze della clientela, proponendo menu fissi a prezzi scontati.

0
48
La notizia

Lo chef stellato Tom Kerridge (dopo le polemiche del pubblico sulla sua bistecca “da pub” al costo di 100 euroha lanciato una nuova iniziativa per combattere i rincari e la crisi post pandemica. Quale? Proporre un menu al prezzo fisso di 15 sterline (circa 17 euro). Questa offerta, valida solo per pranzo, è stata pensata per andare incontro alle esigenze economiche dei clienti i cui portafogli si sono sgonfiati a causa del vertiginoso rincaro dei prezzi.

Il menu a tariffa fissa potrà essere ordinato presso il Kerridge’s Bar & Grill di Londra, nello stellato The Coach a Marlow e nel locale Bull and Bear a Manchester. “Non puoi accendere la TV, guardare i social media o leggere un giornale senza imbatterti nella triste notizia dell’aumento del costo della vita. Quindi, è tempo di creare un’offerta ‘alternativa’, che faccia uscire i clienti dal locale dicendo: ‘È troppo bello per essere vero’.  Siamo molto entusiasti di lanciare un menu fisso a £ 15 per il pranzo”.

Questo il commento che lo chef televisivo ha rilasciato sul nuovo menu, inaugurato il 5 settembre scorso e composto da due portate a scelta, con la possibilità di aggiungere un terzo piatto al prezzo di 7,5 sterline. In carta spiccano cottage pie e lasagne con salsiccia di cipolla caramellata e purè; fra i dolci, crostate alla marmellata e crumble con crema pasticcera.

Il menu di Tom Kerridge a 15 sterline (17 euro)

Kerridge ha anche affermato che molti operatori del settore stanno prendendo in considerazione il “mothballing” – chiusura durante l’inverno – a causa dell’aumento dei costi che rende difficile per loro tenere le porte aperte tutto l’anno. L’alternativa è, quando possibile, studiare proposte appetibili  e tentare di contenere le spese.

Fonte: Food Service Equipment Journal

Trovi qui l’articolo cliccabile

Foto di copertina: crediti BBC