Chef licenziata per gravidanza ottiene un risarcimento di 20 000 euro: “Ho vinto la mia battaglia”

La chef Hannah Pawley ha visto riconosciuti i propri diritti dopo essere stata licenziata causa gravidanza. Ora il titolare del ristorante dovrà risarcirla.

0
49
La notizia

17.000£, pari a circa 20.000 euro, per essere stata licenziata a causa di una gravidanza extrauterina: questo il risarcimento ottenuto da Hannah Pawley, ex chef dell Hanley’s Restaurant di Driffield. Pawley ha dichiarato alla BBC di essersi sentita “usata e tradita” dal suo datore di lavoro, Sean Hanley, che l’ha licenziata all’improvviso e non le ha riconosciuto il congedo per malattia.

Foto dalla pagina Facebook di Hannah Pawley
Crediti Hanley’s

“Ho chiesto a Mr. Hanley quanto mi era dovuto e il motivo valido per il licenziamento, ma non è stato in grado di fornirmeli; quindi, ho sentito di non avere altra scelta se non proseguire con la mia battaglia e combattere”, afferma Pawley. La chef ha così deciso di rivolgersi all’ente Pregnant Then Screwed, che si occupa di tutelare i diritti sul lavoro delle donne in gravidanza. Pawley ha portato il suo datore di lavoro in tribunale dopo essere stata licenziata nel novembre 2019, il caso è stato esaminato nel settembre 2021 e la chef ha ricevuto 12.000£ per lesioni ai sentimenti e 5.000£ per l’indennità di malattia e i guadagni persi.

Il sollievo di sapere che è stato ufficialmente condannato il gesto lesivo del mio ex datore di lavoro è enorme. Spero che questa sia non solo un’ammonizione per chi adotta comportamenti simili, ma una conquista per tutte le donne che sentono di aver subito un torto durante la gravidanza, confida la chef. Taryn Robinson di Pregnant Then Screwed ha affermato che l’organizzazione benefica ha a che fare con molte storie simili a quelle dell’ex chef di Hanley’s Restaurant. “I datori di lavoro devono garantire luoghi di lavoro equi e sicuri per tutti”.

Fonte: bbc.co.uk