Ad Halloween Burger King porta i suoi clienti nelle location dei Mc Donald’s abbandonati, ma dimentica che tanti ristoranti sono chiusi e abbandonati causa Covid

Burger King non rinuncia a festeggiare Halloween contro il suo main competitor McDonald’s

0
127
La Notizia

Halloween è una festicciola commerciale che usa la parodia della paura per generare consumi. Quest’anno cosa succederà? I dolcetti e gli scherzetti saranno in lockdown, le maschere mostruose pure. È mesi che indossiamo una mascherina, il simbolo di una paura reale, con tante facce diverse, tutte per nulla divertenti.

Un brand come Burger King non rinuncia tuttavia ad onorare la tradizione di giocare contro il suo main competitor McDonald’s proprio in occasione di questa ricorrenza.

Dopo essersi travestiti da McDonald’s per spaventare i propri clienti, quest’anno è il turno di una campagna di affissione che prende ispirazione dalle “prove di coraggio” che spingono i ragazzi ad entrare in luoghi spaventosi proprio durante la notte stregata del 31 ottobre. E quali sarebbero i luoghi spaventosi in questione? Cinque indirizzi in cinque stati americani dove prima avevano sede 5 store McDonald’s, ora abbandonati. Chi si recherà a far visita a questi luoghi oscuri, attraverso l’app del brand, potrà avere gratuitamente un panino whopper, recandosi al Burger King più vicino.

“Per noi, non c’è nulla di più spaventoso di un posto che non ha mai grigliato i suoi hamburger sulla fiamma”, recita il titolo della campagna.

Un pensierino, neanche troppo laterale, va a tutto quel settore della ristorazione letteralmente bruciato vivo e reso cenere dalla pandemia.

Una divertente operazione di marketing che non tiene conto delle migliaia di ristoranti chiusi e abbandonati dai propri gestori causa Covid, in America e in tutto il mondo.

Anche Burger King, flame master, dovrebbe stare attento a non scherzare troppo con il fuoco.