Gordon Ramsay dà ragione alla Michelin: le stelle sono dei ristoranti e non dei cuochi annoiati

Il cuoco inglese entra a gamba tesa sulla vicenda Guida Michelin e Marc Veyrat, definendo un insulto il gesto dello chef francese.

0
8599
La Notizia

È un’entrata a gamba tesa, quella di Gordon Ramsay nella querelle che oppone Michelin a chef come Marc Veyrat, che hanno deciso di restituire per protesta le stelle.

Durante la presentazione del suo ultimo cooking show, Unchartered, che lo vede viaggiare verso 6 destinazioni, per esplorare il legame fra cibo e avventura, lo chef britannico ha affermato che la stella appartiene al ristorante, non certo allo chef, e che un simile rifiuto rappresenta un insulto alla guida e un atto contro coloro che sostengono i vincoli fiscali e creativi imposti da Michelin alla ristorazione.

Nella sua opinione, questi chef hanno fallito nel trasformare l’agognato riconoscimento in un successo ancora maggiore. Lo fa soffrire vedere una simile onorificenza denunciata perché qualcuno è stanco e annoiato, in quanto le stelle resterebbero un’utile guida per il consumatore.

È invece riconoscente per le tre stelle e il top ranking a lungo detenuto dal ristorante che porta il suo nome a Londra.