Pecking House: il regno del pollo fritto con 10.000 persone in lista d’attesa

L’ex sous chef di Daniel Humm ha cambiato vita: ora guida Pecking House, un tempio del pollo fritto high level con 10.000 persone in ista d’attesa. Ecco cosa si mangia.

0
48
La notizia

Oltre 10.000 persone in lista d’attesa per addentare fragranti bocconcini di pollo fritto, divenuto un piatto a tutti gli effetti (altro che junk food): è questo il sintomo più evidente del successo di Pecking House, fra i migliori pop-up di New York. Ma la notizia non si limita ai numeri da record: dal 9 settembre, infatti, il locale “temporaneo” si è trasformato in un ristorante a tutti gli effetti con sede a Brooklyn.

Crediti New York Times

E in cucina c’è -udite, udite- il giovane cuoco taiwanese-americano Eric Huang, ex braccio destro di Daniel Humm all’Eleven Madison Park. Smessi i panni del sous chef nel ristorante 3 stelle Michelin e forte della collaborazione con Maya Ferrante, conosciuta mentre entrambi lavoravano alla Gramercy Tavern, Huang ha deciso di lanciarsi un’avventura tutta sua, ben diversa dal precedente incarico. I due ora propongono un pollo fritto -a quanto pare, da urlo- a Park Slope. Pur faticando a trovare lo spazio adatto dove realizzare il loro sogno, alla fine Eric e Maya ce l’hanno fatta.

Crediti Brian Zak

È stato un inferno trovare il locale giusto, c’è voluta un’eternità”, conferma Huang. Questo era il quarto posto che negoziavamo e fino all’ultimo siamo rimasti in sospeso. Vivo a Brooklyn solo da due anni, ma quest’angolo mi è sembrato perfetto. Siamo proprio sull’arteria Flatbush, vicino al Barclays Center: c’è molto fermento sul fronte ristorazione. Il format prevede un servizio al banco con asporto e consegna a domicilio, ma non diventerà mai una catena come Chipotle o Shake Shack. Vogliamo che sia un ristorante di quartiere con prezzi popolari e qualità elevata”.

Crediti Brian Zak

Per soddisfare i palati di tutti i clienti, da Pecking House Eric e Maya propongono tre versioni di pollo: semplice, al tuorlo d’uovo e fritto con una miscela di 5 spezie (tende al piccante e molti non lo gradiscono: per questo preferiamo servirlo anche senza panatura).

Rispetto al pop-up, le novità sono le patatine fritte aromatizzate al pollo arrosto, servite con cipolle disidratate e salsa barbecue “Alabama white”, che è fondamentalmente una mayo di rafano, più paté di tartufo bianco e olio di tartufo bianco”, spiega Huang. Non vi è venuta fame?

Foto di copertina: Crediti Justin Kirkland

Fonte: eater.com

Trovi qui l’articolo cliccabile