Quique Dacosta crea un menu a 4000 €: è il più costoso di Spagna

Si chiama Cooking Beauty il nuovo menu firmato Quique Dacosta. Il prezzo? Da capogiro: 4000 € per 6 portate.

0
763
La notizia

La Spagna è sempre in pole position sul fronte enogastronomico. Stavolta, però, la notizia riguarda i prezzi; nello specifico, quelli del nuovo menu di Quique Dacosta, uno degli chef più amati della Penisola Iberica. In collaborazione con Dom Pérignon ha infatti elaborato un percorso degustazione dal costo proibitivo, che solo pochi fortunati potranno permettersi.

Si parla di 4.000 per sei portate, che lo chef propone al Plénitude Lounge 2, lo spazio creato per l’occasione all’interno del giardino del ristorante tre stelle Michelin di Dacosta a Deina. “L’esperienza del menu Cooking Beauty verrà proposta ai miei ospiti in questo luogo magico”, spiega lo chef alla rivista Fuera de Serie di Expansiòn. L’itinerario messo a punto da Dacosta ha quasi del “religioso”; lo chef, infatti, si è ispirato ad alcuni passi della Bibbia, come l’Ultima Cena o l’episodio dei pani e dei pesci, per realizzare le sue ultime creazioni cuilinarie.

Nel cubo di vetro immerso nel giardino attorno al tavolo poligonale, che può ospitare fino a 20 commensali, lo chef servirà piatti accompagnati da due bottiglie di Plénitude 2, ma il prezzo scende a 3.200 euro se le bottiglie vengono sostituite da una Vintage 2012. A questo punto non resta che scoprire cosa prevede il menu.

Fototografia di Jesus Signes

Secondo Fuera de Serie le sei portate consistono in:

-Due antipasti a base di una leggera frittella di zucca e tartufo nero, consommé di zucca e olio dei suoi semi;

-Uova di aragosta, gamberi rossi Denia e tè bledas

-Stufato di cacao, anatra e anguilla affumicata al rosmarino; pane all’olio extravergine di oliva di Farga

-Braciole stagionate e midollo di bovino;

Dolci di frolla alle mandorle, caramelle cremose al mango e favo di rosmarino e agrumi.

Senz’altro il menu più costoso di tutta la Spagna, ma forse anche d’Europa.

Fonte: as.com

Trovi qui l’articolo cliccabile