Salt Bae, il ristorante di Londra è tra i peggiori in assoluto su TripAdvisor

Salt Bae fa sempre discutere, ma stavolta -secondo TripAdvisor- la qualità del locale di Londra sarebbe calata a tal punto da renderlo uno dei posti peggiori in cui mangiare nella capitale inglese. Dilaga la polemica fra gli utenti della nota piattaforma di recensioni online.

0
2439
La notizia

Nusret Gökçe: questo il vero nome del noto macellaio Salt Bae. Tutti lo conoscono per il gesto di versare il sale sulla carne con quel suo modo tutto suo, facendolo scivolare dalla punta delle dita lungo l’avambraccio, il gomito e quindi a pioggia sulla succulenta bistecca appena tolta dalla griglia. Molti i vip che hanno cenato negli omonimi locali sparsi per il mondo, facendosi immortalare nella sua stessa posa iconica. Fin qui nessuna pecca, ma c’è chi ha avuto parecchio da ridire su quello di Londra (e non solo).

Se n’era già parlato la scorsa estate quando, ancor prima dell’apertura, contava svariate recensioni negative che oggi penalizzano il punteggio complessivo su TripAdvisor. Tra i commenti al vetriolo spicca quello di chi definisce l’esperienza “un brutto scherzo” o la carne “di pessima qualità, troppo salata, così come il conto, più un’accoglienza sgradevole”. Insomma, la Nusr-Et Steakhouse, inaugurata meno di un anno fa nella zona dei grandi magazzini Harrods, non è stata tra le aperture più riuscite per il macellaio-vip.

Crediti Tamara Beckwith
Crediti Jean Schwarzwalder

I dati parlano chiaro: su Tripadvisor la media delle valutazioni è talmente bassa da raggiungere a malapena due stelle e il locale si classifica al 17.418° posto su 17.488. Di fatto, la celebre piattaforma di recensioni online bolla automaticamente il ristorante come uno dei peggiori di Londra in assoluto. Ad oggi ha ricevuto 73 valutazioni “pessime” insieme a 9 valutazioni “scarse”, 5 “medie”, 3 “discrete” e 28 “eccellenti”. Il piatto più costoso? Il Golden Giant Tomahawk, una bistecca mastodontica che viene venduta per ben £ 1.450.

Fonte: eliberico.com

Trovi qui l’articolo cliccabile