8000 anni e non sentirli: storia dei Mooncake, i dolcetti cinesi per la Festa di metà autunno famosi in tutto il mondo

Storia e ricetta dei Mooncake, i dolcetti tipici della Festa cinese dedicata alla luna piena d’autunno. Una ghiottoneria dorata dalla forma tonda ormai diffusa in tutto il mondo.

0
50
I Mooncakes

Narra la leggenda che più di ottomila anni fa gli imperatori della Cina e il loro popolo facessero offerte a Chang’e, la divinità della luna e simbolo della festa di metà autunno, con la speranza che li benedicesse con un futuro fortunato. Così nacquero i Mooncake, le tortine lunari che i fedeli omaggiavano alla loro amata divinità dopo il raccolto autunnale. Questi dolcetti rotondi sono molto importanti per la tradizione cinese.

La CNN ha documentato come nel corso del lockdown dello scorso anno, la Festa di Metà Autunno sia stato un tema  particolarmente delicato da affrontare per chi viveva in Cina, data l’importanza della festa per i cinesi. Ora i Mooncake sono ancora di più conosciuti in tutto il mondo dopo il successo del film Netflix Over the Moon. Ma anche prima di questa reinterpretazione del mito cinese, avevano già un discreto successo. Ecco perché.

Le origini

È una tradizione famosa quanto il giorno del Ringraziamento o il Capodanno cinese: si chiama Festa di Metà Autunno e si celebra il quindicesimo giorno dell’ottavo mese lunare del calendario cinese. Quest’anno l’evento è caduto il 21 settembre. In quel giorno i Mooncake sono stati regalati ad amici, familiari, colleghi e persone care, anche ai propri animali domestici, con la speranza di augurare a loro una vita lunga e prospera.

La tradizione vuole che l’origine dei Mooncake sia datata all’incirca tra il 960 e il 1270 a.C., ovvero nel periodo della dinastia Song. Tuttavia, ci sono altre teorie che vogliono attribuire le origini dei dolcetti lunari all’epoca l’epoca Yuan, tra il 1270 e il 1370 circa a.C. A quel tempo la Cina era dominata da un popolo straniero, la dinastia Yuan, che era di origine mongola.

Alcuni rivoluzionari cinesi della dinastia Ming che desideravano rovesciare il dominio dei mongoli, inventarono uno stratagemma per comunicare in segreto i loro piani: i Mooncake. Usavano proprio queste tortine ripiene per nascondere i loro messaggi all’interno. Non ci sono abbastanza prove a sostegno di questa tesi, però è ancora tradizione riempire questi dolcetti con svariati ingredienti.

Le varianti

I Mooncake sono tradizionalmente preparati al forno, con un ripieno pastoso e denso. Dopo quasi ottomila anni di storia, sono stati preparati in diverse varianti: cotti al vapore, fritti, con ripieno dolce o salato. Mantengono quasi sempre la forma rotonda, per il richiamo con la forma della luna, ma talvolta sono stati preparati anche quadrati. I tradizionali mooncake cinesi, in particolare i mooncake in stile cantonese, sono cotti al forno e dorati.

I tipici Mooncake includono pasta di fagioli dolci, pasta di semi di loto o pasta di datteri rossi, che avvolge uno o più tuorli d’uovo d’anatra salati e stagionati, anch’esso simbolo della luna per via della forma dell’uovo. Alcuni ripieni salati popolari includono prosciutto, salsiccia cinese, arrosto di maiale e ravanello, ma nel corso degli anni, i Mooncake sono stati farciti con infusi alcolici, gelati, gelatine e finanche col tiramisù.

Sopra i Mooncake vengono solitamente incisi alcuni ideogrammi, tra cui la parola Mooncake, oppure il tipo di ripieno o anche le parole di “unità” e “armonia”. In alcune parti della Cina, invece, si è soliti stampare sui tortini lunari alcune decorazioni, come i disegni di alcuni conigli, animale caro alla divinità lunare.

La Festa della Luna per tutti

Un tempo i Mooncake venivano preparati nelle cucine cinese e dedicati alla propria famiglia. Adesso i dolci lunari possono essere acquistati in diversi supermercati e nelle pasticcerie. Persino Starbucks ha realizzato una sua linea di Mooncake in concomitanza con la Festa.

Diverse parti dell’Asia hanno realizzato nel corso degli anni le proprie varianti dei tortini ripieni: in Indonesia i tradizionali Mooncake hanno una pasta bianca e sono piuttosto sottili. Spesso vengono riempiti con carne di maiale, oppure formaggio, latte e frutti tropicali.

Nelle Filippine esiste una variante, chiamata hopia -letteralmente, “torta buona”- ripiena di fagioli mungo, fagioli azuki e patata dolce viola, mentre in Vietnam le torte lunari sono conosciute come bánh trung thu (“torta di metà autunno”), con ripieno di semi di loto, cocco, durian o melone invernale. Talvolta è possibile trovarli anche con pinna di squalo o salsiccia cinese. Inoltre, è tradizione in Vietnam, al contrario che altrove, di mangiare sempre i Mooncake in coppie.

In Giappone, infine, i Mooncake prendono il nome di geppei (月餅?) e si vendono tutto l’anno nelle chinatown della nazione. Qui è quasi impossibile trovare la variante originaria cinese con il tuorlo d’uovo, al contrario sono spesso farcite con i fagioli rossi dolci, gli azuki, oppure con le castagne.