Parco Appio 2021: le pizze di Mirko Rizzo, aperitivi e tanto altro in un’oasi verde a Roma

Visto il successo del 2020 è stata ampliata la proposta gastronomica, che propone una trattoria, la pizza e i pokè, ma anche da birre artigianali e cocktails, oltre a un palinsesto di eventi musicali e culturali di spessore.

0
89
Il parco

Per il secondo anno di fila il Parco Appio di Roma si trasforma in uno spazio en plein air dove trascorrere più momenti della giornata.

Visto il successo del 2020 è stata ampliata la proposta gastronomica, che propone una trattoria, la pizza e i pokè, ma anche da birre artigianali e cocktails, oltre a un palinsesto di eventi musicali e culturali di spessore. Per questa stagione quindi una nuova formula che può soddisfare la clientela, di ogni genere e grado – grandi, piccoli, famiglie, coppie, amici, single, ecc. – dalla prima colazione al dopocena, seduti ai tavolini o per un delivery, smart-working compreso. 

Uno spazio polivalente immerso nel verde, tra pini marittimi e fiori, guidato dal giovane Federico Feliziani, deux ex machina del format nonché responsabile della selezione di birre artigianali di Natural Born Drinkers, che da qualche anno gestisce questo parco nato accanto alla sorgente dell’acqua Egeria e si avvale del know how di Mirko Rizzo, maestro pizzaiolo ex di 180Grammi e Pommidoro a Centocelle.

Inoltre, quest’anno, Parco Appio è ancora più attento alla sostenibilità: tutte le strutture (staccionate, box, container, ecc…) sono realizzate con materiali di recupero fatti rivivere per l’occasione e pensate per un nuovo utilizzo dopo la chiusura del village, come in una sorta di ‘circo’ itinerante. Il progetto Parco Appio ha inoltre avviato, fin dall’inizio, un’importante operazione di recupero delle aree verdi comunali circostanti, in piena sinergia con l’amministrazione municipale, per riportare al centro l’importanza e la bellezza degli spazi all’area aperta da condividere, una tema oggi ancor più centrale.

I Piatti

Per questa estate Federico ha ampliato l’offerta a partire dal Natural Bar, un vero e proprio chiosco del parco aperto dalle 9.00 di mattina con i lievitati con pasticcerie e forni romani a rotazione (si parte per i primi 15 giorni con quelli di Casa Manfredi sfornati da Giorgia Proia) e servizio bar/caffetteria. A pranzo passa tutto nelle mani della giovane chef sicula e vegetariana Antonella Giuffrè (Scuola Bonci), che propone un’offerta fredda con pokè bowl mediterranee con cous cous, fregola e molto altro. 

Non mancano i piatti caldi da trattoria firmati da L’Elementare, una cucina sincera della tradizione, con trippa, coratella e amatriciana in primis, e qualche suggestione ‘da fraschetta’, come la porchetta o il quinto quarto i ‘panini del contadino’, e il pane, che arriva fresco tutti i giorni dal Forno Feliziani di Prati, e le ‘imbottiture’ provenienti da piccoli artigiani italiani. E ancora salumi e formaggi, hamburger centrifughe, vini naturali, birre artigianali e cocktail bar.

Nel weekend il Natural Bar si trasforma nel pop-up di Umami, la trattoria giapponese del vicino quartiere San Giovanni, e si switcha a suon di rolls, gyoza, sushi, bun al vapore e molto altro. 

Torna la pizzeria, come l’anno scorso, quella de L’Elementare, ex temporary diventato permanente negli spazi di Trastevere. La location per il 2021 si è rinnovata – box nuovo più spazioso, area dedicata con più coperti che prevede un tetto/copertura da aggiungere in futuro (perché quest’anno l’idea è quella di rimanere fino a dicembre) ma la pizza è sempre quella romana e scrocchiarella di Mirko Rizzo. L’impasto è leggero e delicato, steso tassativamente con il mattarello, farcito con eccellenze nella versione più classica, dalla Margherita alla Salsiccia e Cicoria fino alle più creative come quella con coppa di testa, ricotta, mirtilli e fiori eduli

All RIghts Reserved www.albertoblasetti.com

Immancabili i fritti come il Supplì al telefono con riso Carnaroli, panatura croccante, pomodoro, cuore di mozzarella filante e basilico. La pizzeria è aperta solo a cena dalle ore 19.00 alle 24.00, con consumazione sul posto e asporto.

All RIghts Reserved www.albertoblasetti.com

E allora, perché non progettare una lunga passeggiata per la Caffarella con una bella colazione take away, un giro in bici per l’Appia Antica (con pranzo al sacco e picnic), o un tour guidato per le Catacombe dell’Ardeatina –  o magari presso la Villa di Massenzio – che si conclude con un ricco aperitivo nei tavoli all’aperto per un’estate romana in mezzo alla natura tra concerti, spettacoli, presentazioni di libri e dischi, dj-set e talk?

Indirizzo

Ristorante Parco Appio

Indirizzo: Via dell’Almone, 105 – 00179 (RM)

Tel. +39 06 7839 3634

Sito Web: parco-appio.business.site