Solo per due: nasce il cocktail bar più piccolo del mondo all’ingresso di un celebre secret bar di Firenze

Primo spazio che celebra la Martini Experience in tutte le sue sfumature. Il piccolo boudoir per martiniani convinti sarà l’unico ad avere prodotti a km 0, forniti in esclusiva da Winestillery.

0
57
La Notizia

Ha aperto a settembre, a Firenze, il Martini Bar più piccolo del mondo, con soltanto due posti a sedere, ma saranno quattro quando sarà finito il periodo di distanziamento. Si chiama R x Winestillery, piccolo boudoir per martiniani convinti, situato proprio all’ingresso del Raspuntin, uno dei più celebri secret cocktail bar di Firenze.

La filosofia del locale è quella di celebrare la Martini Experience in tutte le sue sfumature, dal classico Dry Martini a interpretazioni più particolari come il Bitter Sweet Martini, passando naturalmente per uno dei miscelati più famosi al mondo: il Martini Cocktail, fra i più facili da realizzare, a prima vista; ma che in effetti consente di mettere in evidenza le abilità del bartender di turno che, nonostante i pochi elementi a disposizione, può dare vita a sensazioni uniche. Non esiste infatti un Martini Cocktail uguale all’altro. È questione di atmosfera, ambiente, socievolezza. È questione della mano del miscelatore, ma anche dell’animo del degustatore. È questione del ghiaccio, ma anche della musica di sottofondo. Niente è mai lo stesso. Anche due Martini Cocktail bevuti a distanza di mezzora nello stesso posto. Sebbene tutti siano riconoscibili. Il Martini Bar di Firenze avrà dunque una carta dei drink appositamente pensata per i cultori.

L’idea di aprire R x Winestillery è venuta a Daniele Cancellara, bar manager del Rasputin, parlando insieme al proprietario Marco Vinci e a Enrico Chioccioli Altadonna, mastro distillatore di Winestillery, che con il fratello Niccolò ha aperto la prima distilleria artigianale della regione del Chianti Classico. «A Firenze mancava un posto dedicato al principe dei cocktail e, nella nostra follia, abbiamo pensato di utilizzare il piccolo spazio all’ingresso del Rasputin per offrire un’esperienza unica», afferma Daniele Cancellara. «Mi ha sorpreso vedere come il Martini Cocktail desti tanta curiosità nel neofita quanta fedeltà nell’amatore – ha aggiunto Enrico Chioccioli Altadonna -. Credo che il merito della bellissima risposta che stiamo avendo dipenda molto dalla comunità che si è creata nel mondo della miscelazione fiorentina».

 

Il locale, oltre a focalizzarsi prettamente sulla Martini Experience, sarà anche l’unico ad avere prodotti a km 0, forniti in esclusiva da Winestillery. Questo vuol dire che si potranno trovare solo lì prodotti come il Tuscan Dry Vermouth, una pre-release che vuole celebrare la Toscana, oppure il progetto di limited and exceptional releases, con due distinti prodotti: Slow, liquore a base di gin e vinaccia di Sangiovese, e Copper Strenght, un gin purissimo, non diluito e imbottigliato a grado pieno di alambicco.