Menu stellato completo a 45 euro se hai meno di 30 anni: l’iniziativa di Luca Marchini per i giovani

“30 IN” nasce dalla volontà di ripartire e costruire il futuro avvicinando il pubblico più giovane alla cucina gourmet, attraverso l’esperienza di un percorso degustazione completo al costo di 45 euro a persona.

0
565
Luca Marchini
La Notizia

Il lockdown può essere considerato come una sorta di spartiacque: c’è un prima che tutti conosciamo, a cui ci siamo ampiamente abituati, e c’è un dopo ancora da definire. Ogni chef lo sta delineando a poco a poco, un disegno che diventa strada da percorrere.

Una “ricostruzione”, così la definisce Luca Marchini, chef del Ristorante stellato L’Erba del Re di Modena: “per me e la mia brigata questa pausa forzata è diventata un utile momento di raccoglimento fatto di pensieri, studio di nuovi piatti, progetti per il domani. È stata certamente fonte di dubbi e preoccupazioni, ma anche di energia non solo per costruire qualcosa di nuovo, ma appunto riscostruire una idea così da superarla e tracciare percorsi differenti. Con la mia cucina vorrei parlare a tutti, vorrei farla diventare un dialogo aperto, una continua scoperta condivisa. Per questo la mia intenzione è quella di rivolgermi sempre di più alle nuove generazioni, perché racchiudono il senso del concetto di “costruzione”, sono il domani che può assorbire il nostro messaggio per interpretarlo, decodificarlo e trasmetterlo con un linguaggio nuovo. Quasi come una sorta di formazione personale, di insegnamento”.

Ed è proprio da questa idea che lo chef Marchini ha scelto di dare il via a questa ripartenza con una iniziativa, per tutto il mese di giugno, dedicata agli under 30: si chiama “30 IN” e nasce dalla volontà di avvicinare un pubblico più giovane alla cucina gourmet, attraverso l’esperienza di un percorso degustazione completo al costo di 45 euro a persona.

“Questa iniziativa rientra nella nostra idea di ulteriore apertura, accoglienza e condivisione. È pensata per i più giovani, per coloro che hanno il desiderio di approcciare e conoscere la nostra cucina. Ho studiato un menù in grado di raccontare il mio modo di pensare il cibo, di far vivere emozioni. E lo faremo con il sorriso di sempre, in totale sicurezza e tranquillità”.