Com’è lavorare al fianco di Gordon Ramsay per 11 anni: lo chef Josh Emett racconta la sua esperienza

Josh Emett racconta gli undici anni trascorsi a fianco di uno degli Chef più famosi del mondo.

0
4380
La Notizia

Undici anni al suo fianco, Josh Emett è, forse, il più fedele discepolo di Gordon Ramsay. Da buon discepolo ha seguito e ripercorso fedelmente i  passi del grande maestro. Dopo aver  trascorso un così lungo tempo accanto a uno degli chef più famosi del Regno Unito è tornato nel suo Paese, la Nuova Zelanda e ha aperto un ristorante a cui ne sono seguiti altri. Proprio come Ramsay è diventato giudice di Masterchef, New Zealand, ovviamente. Emett, del suo mentore, ha un ricordo bellissimo sia a livello personale che professionale essendo stato accanto a lui nel cammino in ascesa alla conquista della cucina britannica e mondiale.

Quando Emett ha iniziato a lavorare con lo Chef Gordon Ramsay questi aveva solo uno o due ristoranti, ma nel 2011, quando è tornato in Nuova Zelanda i ristoranti a firma Ramsay erano ben ventidue e Gordon era una vera e propria Celebrity.  Nonostante sugli schermi tv siamo abituati a vedere un Ramsay dal temperamento abbastanza forte e “feroce”, Emett che lo conosce bene dice: “È un ragazzo davvero gentile. Sono sempre andato molto d’accordo con lui, sia a livello professionale che personale. È un personaggio davvero interessante e unico, se non lo fosse non sarebbe riuscito a fare quello che ha fatto negli ultimi vent’anni. È assolutamente esilarante e molto impegnato, ha un sacco di energia, grande attenzione ai dettagli e mi ha permesso di gestire i suoi affari per lui, cucinare nei suoi ristoranti, sviluppare menu e fare tutto quel genere di cose. Non è il tipo di capo che ti sovrasta”.

Emett a Gordon deve davvero molto, soprattutto l’attenzione maniacale per i dettagli, dice infatti: “Se Gordon entrava in una stanza e qualcosa non andava bene, scrutava tutto fino a scoprire cos’era”. Se gli si chiede qual è il  piatto preferito che ha imparato a cucinare da Ramsay non ha dubbi la “Tarte Tatin”, una crostata di mele francese. “Gordon ne ha fatto una versione eccezionale. È un piatto abbastanza tecnico e difficile da perfezionare, lui ne ha appena fatto una versione perfetta”, dice Emett. Ramsay ha in effetti realizzato una Tarte Tatin anche in un episodio di Masterchef nel Giugno 2019 dando ai concorrenti del reality gli stessi consigli che, molto probabilmente, aveva dato a Emett quando gli ha insegnato a cucinarla.

Emett, proprio come il suo maestro, ha anche pubblicato un libro di cucina “The Recipe” in cui ha riportato trecento ricette tra le  più classiche di famosi chef di tutto il mondo. A pagina 394 del libro ovviamente c’è la ricetta della “Tarte Tatin”.