120 mila euro per un Tartufo Bianco d’Alba: è record, andrà ad un imprenditore di Hong Kong

La somma raccolta è la più alta in tutta la storia dell'Asta Mondiale del Tartufo Bianco d'Alba. Il lotto finale, un tartufo da 1005 grammi, accompagnato da due magnum di Barolo docg e Barbaresco docg è andato a un imprenditore di Hong Kong.

0
16540
tartufo bianco d'alba record
La Notizia

Ammonta a 420 mila euro il ricavato dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, nelle Langhe. La ventesima edizione dell’asta benefica è andata in scena lo scorso dieci novembre contemporaneamente dal castello di Grinzane nel cuneese, Hong Kong, Singapore e Mosca.

La somma raccolta è la più alta in tutta la storia dell’evento ed il lotto finale, un tartufo da 1005 grammi, accompagnato da due magnum di Barolo docg e Barbaresco docg è stato aggiudicato a 120 mila euro da un imprenditore di Hong Kong.

La competizione nella sala a Grinzane invece ha visto protagonista lo chef Yong Zhang, che si è aggiudicato il terzo lotto da 470 grammi, con l’offerta di 12 mila euro.

Le cifre da record raccolte saranno devolute in Piemonte, alla Fondazione Nuovo Ospedale

Alba Bra Onlus, a Hong Kong all’Istituto ‘Mother’s Choicè che aiuta bambini senza famiglia e giovani madri in difficoltà, a Mosca al Dmitry Rogachev National Medical Research Center of Pediatric Hematology, Oncology and Immunology, centro di ricerca specializzato per le malattie ematologiche, oncologiche ed immunologiche dell’infanzia, a Singapore alla World Food Future – Educate, realtà di promozione dell’educazione al cibo e della consapevolezza dei consumi.

Secondo un’analisi della Coldiretti, il prezzo del tartufo bianco vola a 375 euro all’etto, con un aumento del 50% rispetto alle quotazioni di inizio ottobre.

I valori massimi, comunque, sono lontani dai prezzi record del 2012, quando si toccarono i 500 euro all’etto, o del 2017, quando si arrivò a 450 euro per pezzature medie attorno a 20 grammi.

Nell’occasione è stato assegnato il titolo di “Ambasciatore del Tartufo Bianco d’Alba nel mondo” allo chef padovano Massimiliano Alajmo.