Chef a 23 anni: Solaika Marrocco, la petite Grande Dame del ristorante Primo di Lecce

Espressione e testimone dell'alta ristorazione femminile, ecco in breve la storia e i riconoscimenti della giovane chef Solaika Marrocco.

0
2089
solaika marrocco
La Storia

Solo 23 anni ma già alla guida di un ristorante. Stiamo parlando di Solaika Marrocco, giovane chef di Primo Restaurant, grazioso bistrot nel centro storico di Lecce. I primi passi li ha mossi nella cucina di casa, con la mamma, mossa dalla passione per il cibo e il cucinare, a 10 anni all’interno di un panificio dal forno a legna e a 14 anni ha capito che l’essere cuoca sarebbe stato la sua vita.

Si iscrive all’ Istituto alberghiero A. Moro di Santa Cesarea Terme dove apprende le basi ma i suoi studi, che non sono ancora finiti, sono sempre stati affiancati da esperienze in cucine professionali, perché, come spiega, ha sentito il bisogno sin da subito di approcciarsi alla reale vita lavorativa.

La sua è una cucina che parla di valori, quelli della sua terra, la Puglia, che trasmette calore e da cui trae molti stimoli e da cui attinge per le materie prime, come il pomodoro, uno dei suoi ingredienti preferiti. Ma anche della sua numerosa famiglia in cui l’importanza del pasto ha sempre avuto un certo peso. “A casa mia non si è mai pensato al semplice nutrirsi: dietro ogni pasto c’era una storia, una cultura, una responsabilità. Da una parte c’erano scelte ragionate, tra intolleranze, diete vegetariane e via dicendo, dall’altra, allo stesso tempo, l’immenso amore nel prepararlo, nel metterci cura e amore” racconta Solaika.

Dopo diverse esperienze in alcuni ristoranti della sua terra e partecipazione a eventi legati al mondo della ristorazione d’autore, arriva al Primo Restaurant in Lecce prima nelle vesti di sous chef e poi, dal febbraio 2017, e poi come chef. “La cosa che ci accomuna, con la proprietà intendo, è la perspicacia e un briciolo di sana incoscienza: la loro per avermi messo al comando della cucina, pur non avendo un curriculum blasonato, la mia di aver accettato!”

Oggi è un bel momento per l’alta ristorazione pugliese: “finalmente si parla anche di Puglia, di una cucina diversa, giovane che sta crescendo. È importante questo movimento e l’interesse dei media verso di noi, ci aiutano a migliorare!” commenta la Marrocco.

Definisce la sua una “cucina diretta e concisa: i miei piatti sono diretti, arriva subito quello che voglio comunicare, non mi piacciono i fronzoli. La mia parmigiana di melanzane, per esempio, è fatta con una base di besciamella al grano arso, una salsa al basilico, tranci di melanzane cotte al cartoccio e passati nel pomodoro rosso rivestita poi con veli di pomodoro – sembrano fette di prosciutto crudo – e germogli di basilico.”

Tecnica e passione, determinazione e grandi capacità, le fanno conquistare, pochi mesi più tardi, durante il Premio Birra Moretti Grand Cru 2017, l’intera giuria stellata con i suoi turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo. Promettente giovane donna, a soli 22 anni, convince anche la guida Michelin, che la segnala per il suo piatto gourmet nel 2018 per riconfermarla l’anno successivo. Idee chiare, grande forza di volontà e ambizione, le stesse caratteristiche, non a caso, di Madame Barbe-Nicole Ponsardin –meglio nota come Madame Clicquot, l’hanno portata, nel 2018 a far parte del network Atelier des Grandes Dames de la Maison de Champagne Veuve Clicquot, perchè espressione e testimone dell’alta ristorazione femminile, portata avanti con carattere, sensibilità, determinazione e lungimiranza.

Tutti questi riconoscimenti mi hanno dato molta visibilità e la grande opportunità di dimostrare che una donna può continuare a sognare e può realizzare i suoi sogni, impegnandosi sicuramente, ma non è impossibile. I miei progetti per il futuro? Non smettere mai di studiare, viaggiare e vivere giorno per giorno pensando di poter far sempre di più

Indirizzo

Primo Restaurant

Via 47° Reggimento Fanteria 7, Lecce

Tel: +39 0832 243802

Il sito web