La Pesca Saturnia, punta di diamante dell’enogastronomia marchigiana

0
2

Con quella forma

schiacciata che ricorda Saturno con i suoi anelli, la Pesca Saturnia rivela la propria eccezionalità da subito. Appartenente alla famiglia delle Pesche Platicarpe, non deve essere confusa con la Pesca Tabacchiera: in comune hanno la forma schiacciata, ma la Saturnia ha colori più vivaci, profumi più intensi e una tessitura più raffinata.

La pesca più buona di tutte proviene dalla bassa vallata del fiume Chienti, per la precisione dai comuni di Civitanova Marche e Montecosaro, in provincia di Macerata, e Montegranaro, che ricade in quella di Fermo. E’ qui, in questi territori che sentono l’influenza del mare Adriatico, che da circa 20 anni Giorgio Eleuteri di Civitanova Marche coltiva la Pesca Saturnia.

Pioniere e da sempre principale produttore nazionale nonché proprietario del marchio, Giorgio è uomo di profonda esperienza internazionale nel campo ortofrutticolo. “Nel 1987 assaggiai questa particolare pesca in California, e rimasi fulminato. Non avevo mai provato nulla di simile. La Pesca Saturnia è certamente la pesca più buona da mangiare, per profumi, che ricordano addirittura la rosa, e la tessitura della polpa”, dice Eleuteri. “Qui da noi si è ambientata alla perfezione, trovando il territorio di coltivazione più adatto”.

Fotografia di Monica Palloni

Fotografia di Monica Palloni

Il fattore qualità nel metodo di coltivazione: nei 30 ettari di pescheti Giorgio pratica la potatura verde, che serve a limitare la vegetazione della pianta, e il diradamento, che priva le piante dei frutti che durante la maturazione si rivelano meno interessanti. Inoltre, la particolare forma di allevamento ad Y consente all’apparato vegetativo delle piante di raccogliere una maggiore quantità di energia termica e di luce. Niente insetticidi in campo, solo calcio per fortificare i frutti e un po’ di fertilizzanti, a salvaguardia della salubrità del prodotto finale.

A collaborare con Giorgio c’è anche la nuova generazione della famiglia Eleuteri: Laura, che affianca il padre nella produzione, e Marco, fratello di Laura, autentico ambasciatore della Pesca Saturnia lungo tutto il territorio nazionale.

Orto nel piatto con Pesca Saturnia – chef Michele Biagiola – Fotografia di Monica Palloni

Osannata da importanti chef marchigiani e nazionali, la Pesca Saturnia trova innumerevoli utilizzi culinari. Dal più semplice consumo crudo con la buccia, fino agli accostamenti apparentemente inusuali, come con le carni bianche. Con i crostacei crudi, i formaggi erborinati e le mandorle. Eccellente anche il suo utilizzo per la preparazione del cocktail Bellini che lo rende unico ed eccezionale.

Reporter Gourmet – La redazione

 

Azienda agricola Laura Eleuteri

contrada Piane Chienti, 43/b – 62012 Civitanova Marche (MC)

Tel. +39 0733 89 70 80

Il sito web di Pesca Saturnia

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here