Leonardo Di Caprio investe nella catena di fast food vegani Neat Burger

Fast food sì, ma di qualità. Fritti salutari e imballaggi ecosostenibili: Leonardo Di Caprio investe nella ristorazione veloce con prodotti plant-based.

0
188
La notizia

Leonardo di Caprio, ormai, non è più noto solo per i suoi film, ma anche per l’impegno a favore del pianeta. Da anni, infatti, si prodiga in difesa della natura e sin dal 1998, con l’istituzione della Leonardo Di Caprio Foundation, ha contribuito a diffondere fra i fan una maggior consapevolezza ambientale. L’energia rinnovabile e la tutela della biodiversità con il supporto del Sea Shepherd per proteggere la vita marina sono solo alcuni dei temi trattati dalla star di Hollywood. Non sorprende, dunque, la notizia che Leonardo Di Caprio stia investendo sulla catena di fast food vegani del pilota di Formula 1 Lewis Hamilton. Sì ad hamburger e patatine, dunque, purché rispettosi del nostro pianeta.

La catena si chiama Neat Burger ed è stata fondata proprio da Lewis Hamilton, vegano da tempo. Giovedì 28 aprile l’azienda ha annunciato l’avvio di una raccolta di fondi da 30 milioni di dollari per espandersi (il patrimonio stimato ammonta a 100 milioni di dollari): attualmente ha otto sedi a Londra, ma il piano è di arrivare a 12 negli Stati Uniti, più diverse dark kitchen entro la fine del 2022. In totale, Neat prevede di aprire 42 locali in tutto il mondo, compresi quelle in Medio Oriente e in Italia, entro la fine dell’anno.

Ciascun fast food serve hamburger a base vegetale e “finte” alette di pollo composte da surrogati della carne. Sostenibile anche l’incarto delle patatine fritte, così come le bibite sono etiche e salutari. La società, comunque, pensa in grande prevedendo anche l’apertura di supermercati che possano lavorare in quest’ottica, con uno sguardo al portafoglio ma anche alla salvaguardia del pianeta.

Da parte sua, l’attore ha dichiarato: “Modificare la nostra alimentazione è uno dei principali strumenti per ridurre le emissioni nocive globali. L’approccio pionieristico di Neat Burger alle fonti proteiche alternative è un ottimo esempio del tipo di soluzioni di cui abbiamo bisogno per migliorare le cose”. Chissà che con l’ingresso in campo di Di Caprio anche altre star non si facciano avanti per investire in questa nobile causa.

Fonte: bloomberg.com

Trovi qui l’articolo cliccabile

Foto dei prodotti dal sito ufficiale di Neat Burger