Ristorante 2 stelle Michelin costretto a chiudere a pranzo: non trova personale qualificato

Lo chef Michel Roux Jr. del ristorante Le Gavroche a Londra, vera e propria istituzione gastronomica, costretto a ridurre il servizio solo alla cena per non sovraccaricare il suo team, ridotto a causa dell’esodo di molti lavoratori dal settore dell’ospitalità.

0
593
Chef

Riaperture in vista, ma anche tante difficoltà che non lasciano indenni nemmeno gli chef più blasonati e di lunga data. È il caso anche dell’istituzione due stelle Michelin Le Gavroche  che vede lo chef patron Michel Roux Jr. costretto a ridurre i servizi per la mancanza di personale qualificato.

Il ristorante è stato inaugurato nel 1967 dal padre e dallo zio dello chef che ha dichiarato: “Un effetto a cascata di gravi problemi stanno colpendo la nostra industria; in questo caso, la mancanza di personale, ha costretto il nostro ristorante a cancellare tutti i servizi del pranzo dal 14 giugno fino a nuovo avviso”. Già la scorsa estate chef Roux aveva ammesso di considerare seriamente di chiudere l’attività dato il grande impatto della pandemia sul mondo della ristorazione che a pochi ha permesso di stare tranquilli, soprattutto per la mancanza di forza lavoro. 

Molto del personale, infatti, ha abbandonato il settore dell’ospitalità scegliendo di lavorare in altri ambiti, spesso, in maniera definitiva. “Dall’apertura, i ristoranti in tutto il Paese hanno sofferto molto di problemi di personale, sia a causa della Brexit, ma anche per la generale mancanza di professionisti qualificati nel settore. Stiamo lavorando al massimo per risolvere questo problema negli ultimi due mesi, ma Le Gavroche è purtroppo a corto di personale qualificato per il momento. Sebbene sia incredibilmente frustrante e doloroso prendere questa decisione abbiamo deciso di aprire solo per il servizio di cena dalle ore 17:00 a partire dal 14 Giugno”

Le prenotazioni per il pranzo saranno riorganizzate per la sera poiché l’alternativa sarebbe sovraccaricare il personale cosa che lo chef non vuole e non è disposto a fare. Il benessere del nostro personale è della massima importanza per noi sia mentalmente che fisicamente, lavora duramente ogni singolo servizio per garantire che i nostri standard siano ai massimi livelli di eccellenza culinaria. La vostra pazienza e comprensione sono molto apprezzate in questo momento. Attualmente stiamo lavorando instancabilmente per assicurarci di poter riprendere l’attività come di consueto alla prima occasione e speriamo vivamente di accogliere nuovamente i nostri stimati ospiti all’ora di pranzo”, ha concluso lo chef.

Fonte: thestaffcanteen.com