Non solo Langhe: la grande cucina è anche nel Roero con Flavio Costa e il suo ristorante 21.9

A Piobesi d’Alba, avete modo di bere e mangiare alla grande e se siete tra quelli che si definiscono gaudenti veri e non si accontentano mai, questo è l’indirizzo che fa per voi.

0
102
La Storia

Quando si dice “prendere due piccioni con una fava”! In Piemonte, nel Roero, esattamente a Piobesi d’Alba, avrete modo di bere e mangiare alla grande, se siete tra quelli che si definiscono gaudenti veri e non si accontentano mai, questo è l’indirizzo che fa per voi. C’è una bellissima e valida azienda chiamata Tenuta Carretta (della famiglia Miroglio) che non solo produce grandiosi vini ma comprende un hotel e un ristorante, lo stellato 21.9, che si affaccia sulle colline del Roero ed è gestito (separatamente dalla cantina) dallo chef Flavio Costa.

Non è forse questo il luogo perfetto dove trascorrere anche un lungo periodo di quarantena? Natura, profumi vegetali, ampi spazi, possibilità di passeggiare tra le decine di ettari vitati (percorso apposito per gli enoturisti), estesa bottaia, un’enoteca dove degustare verticali di vini (Barolo DOCG Cannubi Riserva e Barbaresco DOCG “Cascina Bordino” giusto per citarne due), una spa, le camere ampie e di charme, una cucina sempre pronta a deliziarvi e mai uguale, con un cuoco che prima di tutto è una buona forchetta e lo dimostra nelle sue speciali pietanze.

Il nome “21.9” richiama la data di nascita delle figlie dello chef Flavio Costa, probabilmente le incontrerete a fine servizio che giocano nell’adiacente hall dell’hotel, che altro non è che lo stesso spazio in legno e divani da percorrere per accedere alla sala del ristorante in cui lavora una squadra giovanissima.

Leva del 1970, chef Costa ha iniziato secondo i canoni studiando nella scuola alberghiera di Finale Ligure e cominciando a fare gavetta con le stagioni estive in Sardegna. “E’ con Corrado Fasolato, a Borgo San Felice (Siena), che ho avuto i maggiori stimoli a seguire un certo tipo di cucina. Ancora un po’ di esperienze e l’avvicinamento a casa mi hanno portato al Palma di Alassio dai Viglietti, per poi nel 1999 ad aprire il mio primo ristorante”.
I grandi riconoscimenti non hanno tardato ad arrivare, la stella Michelin del 2003 è il primo importante traguardo che ha sancito il lavoro di impegno e sentimento di Costa.

Nel 2013 il trasferimento ad Albissola Marina dove il suo ristorante è ospitato in un locale storico della cittadina, 30 coperti e una limpida terrazza con vista sul mare.
Il nome scelto fu “21.9”, lo stesso che poi, insieme alla famiglia, portò fino all’attuale dimora nel Roero.

I Piatti

La cucina di Costa è molto confortevole, rigenerante, saporita e immediata. Anche nel menù autunnale provato, freschezza e tenuità non mancano mai e sono una costante, insieme ad un’incisività che contraddistingue i piatti di questo chef ligure. La Liguria è vicina ma se non si può vedere il mare, soprattutto per chi lo ama, è lontanissima; Costa usa molte materie prima della tradizione ligure, esaltate da tecnica e visione propria molto coinvolgente, in ogni piatto. Dunque aspettatevi di trovare in menù diversi piatti di pesce, ma anche frattaglie e selvaggina, onorate come si deve.

Pesce e cacciagione che convivono alla grande e che vengono espressi in maniera distinta su diversi percorsi: Mare, Terra, Tradizione, e al momento il viaggio sensoriale dedicato al tartufo, annaffiato da una carta dei vini che conta oltre 700 etichette tra i giganti della zona e tanto da Italia e mondo. Grazia e profondità in piatti come l’avvio con il baccalà “al contrario” e peperone quadro di Cuneo, poi i ravioli di verza e capocollo di fassona con salsa ai pepi e mela cotogna, e due sontuose preparazioni a base di carne: la costina di maiale al bbq con mais abbrustolito e liquirizia o il piccione arrostito pere, gorgonzola e spuma di cavolo nero. Un ristorante di quelli in cui si sta bene e le due ore trascorse attorno al tavolo tondo rigenerano e divertono.

Passare dalla “dimensione ligure” a quella evidentemente opposta, di un luogo bucolico del Roero, non è affatto facile, bisogna essere un valente cuoco, oltre che un grande uomo e professionista. Benvenuti nel 21.9.

Indirizzo

Ristorante 21.9

Indirizzo: Località Carretta 2, 12040 Piobesi d’Alba (CN)

Tel: 0173 619 261

Email. info@ristorante21punto9.it

Il sito web