Cucina gourmet di talento in riva al mare: la Costiera Amalfitana secondo Michele De Blasio al Giardini del Fuenti

Nel Giardini del Fuenti il giovane Michele De Blasio fa grandi numeri…in attesa dell’apertura del nuovo ristorante nel 2021.

0
60
La Storia

A metà strada tra Vietri e Cetara, abbarbicata sulle scoscese pendici del monte Falerio, sospesa su quello che gli antichi romani chiamavano Mare Nostrum, si trova una piccola e lucente perla incastonata nella Costiera Amalfitana: Giardini del Fuenti. La proprietà è giunta alla terza generazione con profondi cambiamenti, approccio sostenibile e scelte vocate alla bellezza e alla modernità. Non a caso parliamo dei due fratelli Alessandra e Pierluigi De Flammineis, poco più che trentenni, e che da anni stanno lavorando per riportare la loro preziosa eredità ad essere un avamposto di relax, cultura e innovazione: un anfiteatro all’aperto, una piscina a scomparsa, un lounge bar, una spiaggia privata, un beach club e presto (ipotizzano marzo 2021) il ristorante con cui stupire.

A dar loro man forte è lo chef trentaquattrenne Michele Di Blasio, che oggi cucina (alla grande) nel Riva a ridosso della spiaggia. Un curriculum incredibile, la prima esperienza stellata è stata due anni con chef Camanini a Villa Fiordaliso, poi Don Alfonso, in Francia nel Le Taillevent quando aveva ancora tre stelle, con i fratelli Pourcel nel Le Jardin Des Sens, da Ducasse a Londra, Arzak e Berasategui in Spagna, Geranium a Copenaghen, è stato il sous chef di Pino Lavarra ad Hong kong, 5 anni nel Capo D’Orso della costeira amalfitana, docente al Gambero Rosso e nell’Accademia Niko Romito. E queste non sono neanche tutte le fantasmagoriche esperienze del talentuoso chef di Sarno.

Il Riva del Fuenti ha un’offerta di altissimo livello per essere un luogo da accostare a chi si reca qui per la propria tintarella. Al momento solo un paio di giorni vedono anche il servizio di cena, si riflette e pondera, sempre in vista della grande apertura del 2021, il Volta del Fuenti (che affaccerà sulla terrazza dell’Anfiteatro con grandi vetrate a mare). Nel frattempo, però, De Blasio come si suol dire “fa i numeri” e convince per invettiva, pregio negli accostamenti, leggerezza dei piatti e tecnica nelle mani di pochi cuochi della sua età. Sostenibilità, territorio, innovazione, questi i cardini di un cuoco di cui si sentirà parlare tanto, soprattutto quando sarà finalmente al comando del ristorante fine dining da gestire con tutta la grinta e abilità in suo possesso. Ma andiamo per gradi. Matteo lavora da un anno con la famiglia De Flammineis, nella loro meravigliosa oasi, gestisce la cucina del Riva, uno spazio sulla sabbia che accoglie i propri clienti che vogliono godere di mare e salsedine, e del pranzo.

Si penserebbe quindi ad una proposta da accompagnare al sole estivo, in realtà è molto di più grazie alle mani di questo giovane chef in grado di estasiare ad ogni portata, coadiuvato da un maitre, Antonio De Rosa, che dà slancio ad ogni portata anche in sala. A pranzo sempre, a cena come detto solo alcuni giorni, con un menù che non cambia poi troppo ma che si veste di ancor maggiore cura.

I Piatti

La filosofia dello chef campano Michele De Blasio porta nel ristorante una cucina mediterranea incantata che fiorisce dalla ricchezza dei prodotti locali e nazionali.

Ecco quindi che compaiono l’equilibrato risotto cacio, pepe, anemoni di mare e thè verde, scelta ardita e da applauso in una terra a vocazione certamente più pastaia, i tagliolini di semola con granchio reale, salsa rossa e tartufo estivo, il pluriculturale tataki di spigola d’amo, giardiniera di carote, kombucha di sedano e olio d’argan, parfait di foie gras caramellato, fino alla guancetta di maialino iberico brasata, purea di patate, fogli di ibisco e rose, molta Francia in un piatto esaltato da un fondo di cottura sensazionale.

Con la luce del sole la proposta è più ampia e tra i piatti compaiono soluzioni più facili, da tutti i giorni, anche per chi vuole leccarsi i baffi rimanendo i bikini. L’attesa è tanta, sia per vedere la nascita dell’atteso ristorante, che le capacità dello chef nel gestire un’insegna che farà sicuramente tanto parlare.

Indrizzo

S.S. 163 Amalfitana km 47+300, 84019 Vietri sul Mare (SA)

Tel: 089 210653

Il sito web

Email: info@giardinidelfuenti.com