4 luglio, ci siamo: il Regno Unito è pronto a riaprire ristoranti e pub, ecco tutte le linee guida dettagliate

Il 23 Giugno il Primo Ministro ha comunicato alla camera dei Comuni il testo con le indicazioni delle linee guida da rispettare in vista della riapertura dei locali. Finalmente gli operatori del settore dell’ospitalità possono affidarsi ad un protocollo chiaro e dettagliato sulle nuove norme da rispettare.

0
91
La Notizia

“Il Regno Unito sta attualmente vivendo un’emergenza di salute pubblica a causa della pandemia di COVID-19, ciò rende fondamentale che le aziende adottino una serie di misure per mantenere tutti al sicuro“, queste sono le parole di introduzione del testo annunciato dal Primo Ministro alla Camera dei Comuni lo scorso 23 Giugno. Un testo in cui sono elencate le linee guida per la riapertura di ristoranti, bar e pub nel Regno Unito che dovrebbe avvenire il prossimo 4 Luglio.  Un testo chiaro, dettagliato e tanto atteso dagli operatori del settore che fino a qualche giorno fa erano incerti se riaprire o meno data la mancanza di informazioni e direttive precise.

Il testo aiuta a capire come lavorare in sicurezza e proteggere sia il personale che i clienti assicurandosi che il maggior numero di persone rispetti le linee guida sul distanziamento sociale.

Le linee guida elencate sono davvero complete e precise. Eccole riportate di seguito.

Linee guida per il takeaway

Tutti i datori di lavoro dovranno compilare per il proprio personale e per i propri clienti un elenco per la valutazione dei rischi relativi al Covid-19. Questo elenco deve essere condiviso con il personale che può consultare un rappresentante dei dipendenti sui rischi a cui è esposto durante lo svolgimento del proprio lavoro;

I clienti e il personale che non si sentono bene non devono entrare nei locali;

Gli stabilimenti devono aumentare la frequenza di pulizia delle superfici e lavaggio delle mani;

Le distanze sociali devono essere mantenute a 2 metri, ove possibile, o a 1 metro, ma con ulteriori misure di mitigazione in atto, come un ulteriore aumento della pulizia delle mani e delle superfici, lavorando schiena contro schienai, riducendo le dimensioni della squadra e usando schermi o barriere per mantenere i dipendenti a distanza di sicurezza l’uno dall’altro.

Un registro temporaneo dei visitatori deve essere conservato per 21 giorni per collaborare con il sistema di test e tracciamento del SSN;

Gli stabilimenti devono rispettare, al meglio delle loro capacità, le regole su chi può incontrarsi: due famiglie contemporaneamente al chiuso e fino a sei persone provenienti da famiglie separate all’aperto;

Tutte le esibizioni dal vivo sono vietate fino a nuovo avviso;

Gli stabilimenti devono collaborare con i locali vicini e le autorità locali per evitare incontri all’esterno. Si devono prendere in considerazione ingressi sfalsati e si consiglia agli ospiti di prenotare in anticipo;

Valutare quante persone possono ragionevolmente raggiungere la distanza sociale all’interno di un locale, incoraggiare la fila all’aperto (anziché interna) e incentivare l’uso dell’igienizzante per le mani all’entrata.

Linee guida per la somministrazione di cibi e di bevande

Gli ordini devono essere presi a una distanza sociale sicura e si deve ricordare ai clienti di mantenere distanze di sicurezza;

Posate e condimenti devono essere forniti all’arrivo di ogni ospite, usando quelli usa e getta ove possibile;

Ridurre il contatto con le superfici, incoraggiare i pagamenti contactless, ridurre al minimo il contatto tra il personale e i clienti e ottimizzare la ventilazione negli spazi interni;

Se da asporto o consegna, ridurre le code per ordini e per i ritiri incoraggiando gli ordini online riducendo al minimo i contatti tra il personale addetto alle consegne e il personale di cucina.

 

Linee guida per l’igienizzazione

Incoraggiare i buoni processi di lavaggio e sanificazione delle mani assicurandosi che il sapone e il disinfettante siano sempre disponibili;

Aumento della pulizia in linea con l’uso;

Predisporre un programma di pulizia aggiornato;

Aumentare la frequenza di smaltimento dei rifiuti;

Controllare i sistemi di ventilazione e condizionamento dell’aria per assicurarsi che non si adattino automaticamente a causa di livelli di occupazione inferiori al normale e garantire ulteriormente una buona ventilazione aprendo finestre e porte ove possibile;

In caso di rilevazione di un caso  di Covid-19 nei locali, gli operatori devono effettuare le pulizie in base a specifiche indicazioni.

In cucina, dove i regimi di pulizia dovrebbero essere già rigorosi, prendere in considerazione un’ulteriore pulizia della superficie e il lavaggio delle mani prima di toccare stoviglie e posate e fornire contenitori per la raccolta di asciugamani e delle divise utilizzate;

Il lavaggio e l’asciugatura delle mani, la sanificazione delle mani e la pulizia delle superfici devono essere praticati e incoraggiati in tutto il luogo di lavoro con segnaletica e comunicazione verbale. Laddove ci sono docce sul posto di lavoro, queste devono essere pulite secondo le linee guida, gli oggetti personali non devono essere lasciati incustoditi e le distanze sociali devono essere applicate;

La movimentazione di merci e forniture deve essere soggetta allo stesso livello di cautela, con procedure specifiche per riceverle e trasportarle. Ripulire i veicoli di raccolta e prestare attenzione durante la manipolazione della biancheria per evitare di contaminare le superfici.

Linee guida sulla gestione della clientela:

Fornire informazioni prima dell’arrivo dei clienti in merito alle misure di sicurezza e rifiutare di fornire assistenza in caso di mancato rispetto delle stesse;

Accertarsi che le informazioni aggiornate siano sempre disponibili per il personale e i clienti, utilizzando poster o comunicandole oralmente.

 

Linee guida per l’organizzazione dello staff:

Accertarsi che sul posto siano presenti solo i lavoratori essenziali;

Mantenere in circolo gli operatori domestici fornendo loro le attrezzature necessarie e monitorando la loro salute, mentale e fisica;

Far lavorare da casa le persone “clinicamente estremamente vulnerabili” e nel caso in cui ciò non sia possibile valutare il rischio del lavoro in loco;

Il personale in quarantena dovrebbe lavorare da casa, ove possibile, o ricevere una indennità di malattia obbligatoria;

Il personale deve essere incoraggiato a spostarsi da e verso il lavoro con mezzi sicuri, a piedi o in bicicletta, e a lavarsi / disinfettare le mani all’arrivo e prima di lasciare i locali;

La circolazione all’interno dei locali deve essere ridotta al minimo limitando l’accesso a determinate aree, assegnando postazioni di lavoro al personale e, ove possibile, utilizzando mezzi elettronici di comunicazione.

Tenere il personale a una distanza di sicurezza l’uno dall’altro durante il lavoro, oppure utilizzare schermi protettivi;

Preparare il cibo in conformità alle linee guida FSA. Il personale deve essere ridotto al minimo e con una minima interazione tra le persone;

Il personale dovrebbe essere incoraggiato a fare delle pause sfalsate, se possibile all’esterno, e dovrebbero essere posizionati dei contrassegni dove è probabile che si formino le code.

Linee guida per l’intrattenimento nei locali:

Divieto di intrattenimento dal vivo fino a nuovo avviso. Sono consentite solo  trasmissioni sportive e di musica;

Incoraggiare gli ospiti a evitare di alzare la voce, poiché le urla potrebbero aumentare il rischio di diffusione dell’aerosol del virus.

 

Linee guida per l’utilizzo delle mascherine:

A differenza delle maschere cliniche, i rivestimenti per il viso possono essere qualsiasi materiale che copre il viso e, sebbene non forniscano alcuna protezione per la persona che lo indossa, possono proteggere gli altri dal rischio di infezione. Nonostante obbligatorie per il trasporto pubblico le mascherine dovrebbero essere indossate dal personale solo se lo desidera e, in tal caso, i datori di lavoro dovrebbero incoraggiare le buone pratiche, incluso lavarsi le mani prima e dopo aver indossato la mascherina evitare di  toccarla per evitare di contaminarla. Cambiarla ogni giorno.

 

Conseguenze per gli operatori che non rispettano le linee guida:

Alla domanda su quali potrebbero essere le conseguenze per gli stabilimenti che non rispettano le regole, il segretario commerciale Alok Sharma ha dichiarato al programma Today della BBC che gli operatori avrebbero potuto affrontare “fino a due anni di carcere” se un’ispezione avesse rivelato che il loro personale e / o gli ospiti sono stati messi a rischio rischio non riuscendo a prendere le precauzioni necessarie per arginare il virus. Tuttavia, il Ministro non ha specificato nel dettaglio come verranno individuate le violazioni e come verranno applicate le regole, dicendo solo che è “una priorità assoluta” per l’HSE.