JAAN: il ristorante 2 stelle Michelin al 70esimo piano di un hotel di Singapore

C’è un inglese al comando di JAAN, sulla vetta dello Swissôtel The Stamford. Parliamo di Kirk Westaway, fra i migliori giovani interpreti dell’alta cucina nella Città Stato.

0
63
JAAN by Kirk Westaway

Il ristorante

Singapore e le sue diverse culture che convivono soprattutto nella cucina. Una città impattante, cosmopolita, dinamica e multiculturale, tutto questo è Singapore. Un paese che parla cinese, arabo, indiano, malese, dove le tradizioni gastronomiche sono un’attrazione turistica imperdibile.

Swissôtel The Stamford

Tra le principali zone cittadine c’è Marina Bay, sintesi della natura avveniristica della Città del Leone, imperdibile per chiunque voglia immergersi nella Singapore più moderna tra edifici diventati icone mondiali dell’architettura che creano uno skyline inconfondibile e, ovviamente, alcuni dei ristoranti più ambiti della città. Nel panorama fine dining la metropoli ha tanto da offrire, basti pensare che da quando la guida Michelin è arrivata qui nel 2016, oggi i ristoranti stellati sono quasi cinquanta. Tanta Francia ma anche cuochi dal mondo che fanno convivere le diverse cucine, soprattutto asiatica.

Swissôtel The Stamford

Parlare di grandi insegne senza annoverare il ristorante JAAN By Kirk è impossibile. Posto al 70esimo ed ultimo piano dello Swissôtel The Stamford, questa grandiosa insegna è nelle mani dello chef inglese Kirk Westaway originario del South West Britain, impegnato nel suo progetto gastronomico “Reinventing British”, un percorso sensoriale che dura e si rinnova da anni con cui vuole elevare la cucina britannica attraverso una lente moderna.

Vista mozzafiato del paesaggio panoramico, carta vini di oltre 700 etichette, servizio impeccabile di una squadra precisa e coesa capitanata dal direttore italiano Giuseppe Farinotti e un menu unico per cena dove compaiono prodotti e ispirazioni britanniche di alta qualità come le capesante scozzesi o il rombo della Cornovaglia, insieme ad alcuni classici della sua terra, tra cui le uova che Kirk rivisita in chiave fastosa con il caviale. Questo e tanto di più è il bistellato JAAN.

Il ristorante prevede di riaprire alla fine di novembre dopo un programma di trasformazione di tre mesi. Un percorso che segna un’ulteriore evoluzione, a quattro anni dall’arrivo del giovane cuoco inglese, soprattutto nel design e nell’accoglienza dedicata agli ospiti, un viaggio di trasformazione che ha portato nuova linfa vitale anche allo chef Kirk e alla sua brigata internazionale.

La filosofia alla base rimane però la stessa, quella del “Reinventing British”, radicata in una cucina innovativa in continuo viaggio che rende omaggio alla stagionalità e ai sapori naturali dei prodotti più freschi che ricordano la sua infanzia in Inghilterra. Rimanendo fedele alla promessa di offrire un’esperienza gastronomica all’avanguardia, i suoi capolavori sensoriali distintivi sono attentamente curati per presentare la cucina britannica attraverso uno sguardo moderno e del tutto personale.

I piatti

La sua ultima edizione del menu Reinventing British ha goduto della generosità dell’estate, a partire da una serie di snack delicati come la meringa alla barbabietola dal morbido ripieno di crema di formaggio e barbabietola sott’aceto, il fish and chips o la cheese and onion pie. Un inizio tanto tenue quanto centrato sui sapori e la creatività, considerando che una volta accomodati al tavolo si rimane a bocca aperta per i primi dieci minuti ammirando Singapore ai propri piedi.

Meringa alla barbabietola dal morbido ripieno di crema di formaggio e barbabietola sott’aceto

Il primo piatto del valente Kirk assume la forma di un’insalata di pomodori, un piacere visivo fatto di piccolissimi pomodori rossi e gialli cotti su carbone a fuoco vivo; le bucce bruciate vengono rimosse e la polpa dolce viene servita su una crema pasticcera con mandorle fresche e un sorbetto al basilico, accanto un bignè di farina di mais avvolto nel lardo.

Insalata di pomodori

Il branzino è al centro della portata successiva, leggermente lessato e sormontato da un mosaico dei migliori gamberi Obsiblue e da una capasanta arrostita, viene servito con bietole e cavolfiore arrosto, salsa di capperi, acciughe, limone e burro marrone.

Branzino arrosto con bietole e cavolfiore arrosto, salsa di capperi, acciughe, limone e burro marrone

Un assaggio tanto ricco e goloso quanto fine e in grado di dare l’idea delle skills dello chef. Uno dei piatti che più lo rappresenta sono gli scampi arrosto con zucchine violino alla brace serviti su lattuga brasata, dove tutto gioca sul contrasto materico, la purea di limone e la calda maionese al burro completano e regalano un boccone di “food porn” in grado di dilatare i sensi. Spostandosi dal mare, il tipico britannico Black Berkshire Pork viene servito con la sua pelle, una purea di mele e una miscela di cipolle arrostite, ad accompagnare una salsa di pepe verde fresco, altra dimostrazione dell’impatto (sempre equilibrato) che gli ospiti sono chiamati a vivere da JAAN.

Black Berkshire Pork

Dopo aver rinfrescato le fauci con il sorbetto al cetriolo e tè al gelsomino, gli amanti del cioccolato saranno felici davanti al “crispy chocolate”, il dessert accompagnato da un gelato al cioccolato al latte, caramello e biscotti al caffè; da citare anche l’audace proposta della meringa alla fragola ricoperta di panna e un pan di spagna alle mandorle, servita con gelato allo yogurt e una fresca combinazione di fragole bianche e rosse. Ma questo è solo l’incipit in attesa della nuova evoluzione.

Meringa alla fragola

Indirizzo

JAAN by Kirk Westaway

Indirizzo: Level 70, Swissôtel The Stamford- 2 Stamford Road, Singapore 178882

Tel: +65 9199 9008

Email: jaan.bookings@swissotel.com

Pagina Instagram