Franco Pepe fa il bis in Basilicata: nasce Proxima, nuovo tempio della pizza d’autore al San Barbato Resort Spa & Golf

Pizza, ricerca e accoglienza: tre i punti focali di Proxima, il nuovo progetto di Franco Pepe all’interno del San Barbato Resort Spa & Golf in Basilicata.

0
153
La notizia

Lo avevamo annunciato a febbraio, ma abbiamo dovuto aspettare qualche mese prima dell’apertura a causa della Pandemia. Ieri, 1° dicembre, un Franco Pepe visibilmente emozionato ha aperto Proxima, la sua nuova pizzeria in terra lucana, presso il San Barbato Resort Spa & Golf, già sede del ristorante Don Alfonso 1890, 1 stella Michelin.

Non è stata una scelta facile, perché è sempre un rischio esportare la propria pizza fuori da casa, ma il patron Antonio Liseno ha voluto fortemente questo progetto, quindi ha fatto di tutto per agevolare il mio lavoro e creare un locale in linea con le mie esigenze (persino contattare il mio storico architetto, cui ha commissionato tutto, dalla costruzione degli spazi alla scelta dei piatti da portata… ). Non mi è stato chiesto di fare qualcosa di speciale: solo la mia pizza”.

Crediti Damiano Errico

“La mia idea non è quella di espandermi, ma di portare il mio prodotto, tutto ciò che ho fatto negli ultimi 10 anni: è un’auto difesa per tutto quello che ho creato, per l’identità che è nel piatto. Mentre il cantiere andava avanti noi formavamo i ragazzi a Caiazzo, per fargli capire tutto quello che c’è dietro a Pepe in Grani. Proxima è un passo importante che spero sia duraturo. Ci sto mettendo l’anima, in questo nuovo percorso incentrato sulla qualità”.

Rimangono anche qui i tre ingredienti chiave del pizzaiolo: pizza, ricerca e accoglienza. Tre punti focali che hanno contribuito a una crescita metodica e costante degli standard qualitativi prefissati nella sua Caiazzo e che spera di portare anche qui, in Basilicata, così da divenire un vero e proprio catalizzatore di sviluppo economico e d’attenzione di rilievo internazionale.

Proxima vuole sfruttare il know-how di Pepe in Grani, attraverso la ricerca gastronomica sulle eccellenze del territorio (dal peperone cusco alla mortadella di nero lucano), il servizio di sala professionale e la scelta architettonica e stilistica del locale. Design moderno dai colori scuri, due forni in due ambienti separati dalla cucina e dal laboratorio, dove “riposano” gli impasti, che il cliente può spiare grazie a una finestrella, per un totale di circa 90 persone per volta.

L’obiettivo è mantenere la qualità della mia pizza e creare sintonia fra brigata di cucina e sala, motivo per cui all’inizio non abbiamo voluto esagerare con i coperti. Proxima è un progetto che vuole garantire continuità”, dice Franco Pepe. In Proxima c’è l’evoluzione di Pepe in Grani, ci sono i miei figli e lo sviluppo di quell’’ idea nata nel 2012, grazie alla quale ho potuto approfondire e sperimentare il mio format. Una sperimentazione che lega con la tradizione e si fortifica con essa”.

Lasciate le collborazioni con Ginevra e Honk Kong, Pepe si concentra sull’Italia, all’Albereta, dove propone alcune delle sue pizze icononiche: dalla Ciro, il cono fritto con fonduta di Grana Padano, pesto di rucola e oliva caiazzana disidratata a La Ritrovata, con passata di pomodoro San Marzano, piennolo del Vesuvio, capperi disidratati, polvere di olive nere caiazzane, acciughe di Cetara, olio con aglio e basilico fritto.

Crediti Damiano Errico

Poi La Scarpetta, a base di mozzarella di Bufala Campana, fonduta di Grana Padano, composta di pomodoro a crudo, basilico liofilizzato, scaglie di Grana Padano, e la Crisommola, pizza fritta con ricotta aromatizzata con zest di limone, confettura di albicocche del Vesuvio, olive caiazzane disidratate e menta. Infine, fa un’escursione in terra lucana con la neonata ma promettente Cruscadella Lucana (scamorza affumicata, mortadella di suino nero Lucano, stracciata di bufala, peperone crusco croccante e zest di arancia Staccia).

Crediti Damiano Errico

Per la serata inaugurale ha chiuso con un Tiramisù con nocciole e cioccolato creato da Tommaso Foglia, pastry chef di Don Alfonso 1890, che ha anche preparato i panettoni per Natale, notevoli (e cura anche la parte dolce della colazione del resort). In attesa di un prossimo progetto di cui per adesso non ha rilevato ancora nulla, Franco Pepe ha anche scritto un libro –La mia pizza autentica– dove si mette a nudo, condividendo la sua storia e i suoi progetti per il futuro, insieme a 40 iconiche ricette che hanno segnato la rivoluzione della pizza d’autore.

Proxima

San Barbato Resort Spa & Golf: SS 93, Km 56, 30085024 Lavello, Basilicata

info@sanbarbatoresort.com

Tel: +39 0972 816011

Sito Web