Il coronavirus non ferma Michel Bras: pronte due nuove aperture nei prossimi mesi in location spettacolari

Il coronavirus non mette in quarantena Michel e Sébastien Bras: sono due le aperture in agenda per i prossimi mesi, in altrettante location spettacolari. Ecco dove.

0
950
michel bras nuove aperture
La Notizia

Il coronavirus non mette in quarantena Michel e Sébastien Bras: sono due le aperture in agenda per i prossimi mesi. Il 21 luglio coup de feu a Karuizawa, in Giappone, 18 anni dopo lo sbarco a Toya. La località, situata all’altitudine di 1000 metri e a un’ora e mezzo da Tokyo, è il rifugio degli abitanti della capitale in fuga dalla canicola estiva. A firmare l’architettura, con le sue luminose vetrate sulle montagne, è stato l’architetto Kengo Kuma. Dal giardino al suo centro, con le casse soprelevate, proverranno vegetali e ispirazione della cucina, affidata a Simone Cantafio, già alla guida del ristorante Bras sull’Isola di Hokkaido.

Mentre era prevista per il 14 giugno l’apertura del ristorante parigino la Halle aux Grains, al terzo piano della borsa che oggi ospita la collezione di François Pinault, un tempo granaio della capitale. E saranno proprio chicchi di ogni sorta, cereali, legumi, semi di apiacee e da olio di tutto il mondo a sprigionare un concept originale, in forma germinata, grigliata, soffiata, fermentata o infusionata. Nelle parole di Michel Bras, “una cucina del suo tempo, dall’espressione singolare, sana, semplice, che parla all’anima e al corpo”, capace di reinterpretare lo stile della casa, fatto di “petits riens” e ingredienti modesti. Ma non sarà una tavola vegetariana.

Gli spazi saranno firmati da Ando Tadao, mentre la direzione è già stata affidata a Mathieu Muratet, per 8 anni in sala a Laguiole, prima di passare allo Château de Labro, vicino a Rodez. Il locale, aperto da mezzogiorno a mezzanotte 365 giorni l’anno, metterà a disposizione 100 coperti ai visitatori del museo e ai passaggi esterni, attraverso due diversi ingressi.

È tuttavia probabile che ci sarà qualche ritardo, anche se i lavori procedono regolarmente. “In questo momento la famiglia Bras, come tutte le aziende del mondo, sta studiando la strategia opportuna. I tempi di apertura rimangono una grande incognita”, puntualizza Cantafio. “A Karuizawa l’idea è di avere un grande spazio verde, come a Laguiole, in modo che il vegetale di giorno in giorno possa ispirare la creatività”.