Mangiare in uno dei ristoranti più sperduti del mondo in un’isola di 9 kmq con soli 160 abitanti

Viaggio alla scoperta dell'Inis Meáin Restaurant & Suites di Ruairí e Marie-Thérèse de Blacam, sulla remota Aran Island di Inis Meáin.

0
755
ristorane isole aaran sperduto
La Storia

Inis Meáin è l’isola centrale delle Aran Island, noto arcipelago al largo delle coste occidentali della contea di Galwat, nella Repubblica d’Irlanda: nonostante sia la seconda per grandezza (misura 9 kmq) è la meno popolata delle tre isole (183 abitanti nel 2016). Luogo suggestivo, rurale ed incredibilmente naturale, un paradiso di pace distante dai ritmi frenetici della vita, la cui colonna sonora è costituita dal rumore delle onde selvagge dell’Atlantico che si infrangono sulla scogliera e dalle grida degli uccelli, un posto meraviglioso per trascorrere un weekend.

L’isola, raggiungibile in traghetto o in aereo, ospita l’Inis Meáin Restaurant & Suites, un ristorante con camere un po’ diverse dalla norma, consigliato dalla guida Michelin. Gestito dai proprietari Ruairí e Marie-Thérèse de Blacam, la struttura è ispirata e ben radicata nel paesaggio selvaggio che la circonda.

Ruairí, originario di Inis Meáin e figlio dei fondatori della famosa azienda di maglieria dell’isola, ha conosciuto Marie-Thérèse, originaria della contea di Cork, quando entrambi studiavano a Dublino. Dopo aver progettato e costruito il ristorante partendo da zero, lo hanno aperto nel 2007 e ora lo gestiscono dividendosi tra l’Inis ed i loro bambini piccoli.

Ruairí è impegnato in cucina, mentre l’affascinante Marie-Thérèse ha una naturale propensione nell’organizzare in maniera impeccabile il servizio: insieme affrontano le sfide che può condurre una impresa di lusso su un’isola remota, sia che si tratti di carenza di personale o che la loro nave di rifornimento non arrivi a causa del maltempo. L’edificio è costituito da una struttura bassa, quasi futuristica, con le sue finestre curve e l’esterno in pietra grigia che si fonde perfettamente con l’ambiente circostante. Le pietre utilizzate per costruire le sue mura sono le stesse che compongono i muri a secco trovati in tutta l’isola e che hanno reso famose le isole Aran.

Aperto da marzo a settembre, il ristorante serve ogni giorno un menu fisso di 4 portate ispirato dall’isola, dalla sua gente e dai suoi prodotti, tra cui insalate, erbe e verdure provenienti dal loro orto. Il ristorante ha solo 16 posti a sedere e tutti cenano allo stesso tempo, rendendo in questo modo l’atmosfera molto conviviale. La lunga e stretta stanza offre una vista straordinaria sulla vicina Inis Mór, mentre le grandi foto in bianco e nero celebrano la vita su Inis Meáin. Ruairí definisce il suo stile di cucina “Elemental Eating“, ed i suoi piatti vibranti e saporiti si basano sui principali ingredienti dell’isola, quali ad esempio le barbabietole dorate che provengono dall’orto e l’aragosta locale, abbinata con salsa aioli e rucola fresca.

Sono disponibili soggiorni di 2, 3 e 5 notti nelle lussuose camere dell’Inis Meáin Restaurant & Suites, arredata per assicurare un soggiorno estremamente confortevole agli ospiti. Escursionismo, mountain bike, pesca, nuoto: è possibile praticare varie discipline grazie all’equipaggiamento disponibile nella struttura (dal binocolo alle canne da pesca), oltre al kit per il pranzo, con pane fresco e zuppa calda, da portare con sé nel corso dell’esplorazione dell’isola.

Fonte: Guida Michelin