Nello Cassese, precisione e determinazione per uno stile solido senza tentennamenti

Gordon Ramsay, attraverso la magistrale interpretazione del suo giovane pupillo italiano, propone una cucina che è espressione del territorio, sfociando in un creativo connubio fatto di tradizione ed innovazione.

0
5
La Storia

La cucina di Nello Cassese

Bellezza della natura e di un’opera d’arte mi catturano completamente, fino ad una commozione profonda. Non sono Bellezza come concetto vuoto, sono, per me, espressione sublime di spiritualità. Ogni volta che incontro la Bellezza, provo un profondo senso di gratitudine nei confronti della vita, perché è un dono di cui godere, è come la gioia: va riconosciuta e apprezzata quando c’è.

Come in un turbinio di urla di schianti e di urti, da piccolo le sole giostre che frequentavo erano l’autoscontro, da grande questo gioco mi manca, ho sostituito le piccole auto bordate di gomma, con la mia mente. Ma “aimè” mi scontro sempre più raramente con la Bellezza, abbiamo perso il bello, è stato l’agnello sacrificale di un ventennio, che troppe volte in Italia si ripete.

Abbiamo barattato la vita dei campi con squallide periferie, abbiamo barattato il legno con la formica, abbiamo barattato l’aria aperta con case del Grande Fratello, abbiamo barattato la conversazione con squallidi messaggi virtuali. In una centrifuga dove ideali, concetti, amori, famiglie, dignità, parole che sono state tritate, ne esco confuso e ne usciamo confusi; il bello salverà il mondo, solo il bello saprà salvarci e ridarci la vita. Ne sono convinto, sono sensazioni, sono gioia, sono pensieri, sono fotografie che estendono il bello in modo e modi diversi.

Passeggiando per questa Toscana l’anima si rasserena, una profonda gioia ti inebria la mente, aggiungo alcune gocce di vino, che mai manca dal mio fulcro del bello.

Siamo al Castel Monastero di Castelnuovo Berardenga (Si).

Astice pochè al basilico con verdurine stagionali e brodetto di crostacei leggermente affumicato

Il bello traspare, è costante, ti scuote e fa riflettere. Vado al cuore: mi dirigo in cucina, trovo un giovane ragazzo alto, austero, timido, molto introverso, vorrebbe dire, ma poco concede. Una gentilezza profonda, intrinseca, forse lo spinge a tenere leggermente il freno a mano tirato. Nei piatti arriva, stavolta senza tentennamenti, uno stile di cucina classico, solido, che sa attingere al territorio.

 

 

 

I Piatti

Filetto di maiale di Cinta senese marinato alle 5 spezie con rapa rossa, patate e mela

Cervo scottato con castagne, cavolo rosso e tartufo nero

Il piccione al Vin Santo e Mais

La carne come nella grande tradizione Inglese fa da padrona, il cuoco ha nelle sue corde le cotture precise, millimetriche, per mio piacere, sa usare l’acidità e.. l’estetica.

Ravioli di pecorino stagionato in salsa “aglione”, pomodoro candito e cavolo romano

Riso acquerello con zucca, crema di mozzarella di bufala affumicata e polvere di capperi

Perfette le verdure, un filino troppo per mio pensiero e ripeto per mia modesta interpretazione la mantecatura del riso e della pasta, sublimi per tecnica e sapore le paste ripiene.

Baccalà mantecato ai sentori autunnali   

Filetto di manzo con spuma di patate fondenti, porri alla griglia e salsa al Brunello

Ingredienti mai banali mai numerosi, sempre esprimono il suo carattere interiore, lasciano il posto via via che cambiano le stagioni ad altri illustri colleghi.

Tarte tatin alle mele annurche con caramello salato e gelato alla fava

Delizia di young (Cioccolato Valhrona, nocciola, caffè e sorbetto alla pera e zenzero)

Attualmente, una grande pasticceria; una giovane ragazza Coreana, Yu ok Young ci fa sognare con i toni alti del cioccolato accarezzato da sapienti spezie.

Accoglienza gentile e premurosa, una cantina prevalentemente Toscana, distillati e grandi miscelati fanno compagnia con fantasia e armonia, prima e dopo il pranzo.

Opere d’arte artificiali, e grandi opere d’arte naturali, arredamento classico armonia e grandi spazi, fanno di questo vecchio monastero un luogo d’elezione.

Lo chef è Nello Cassese, l’ allievo italiano prediletto di Gordon Ramsay.

Tutte le immagini sono di Lido Vannucchi

Indirizzo

 

Ristorante Contrada – Castel Monastero

Monastero d’Ombrone – 53019 Castelnuovo Berardenga (Si)

Tel: +39 0577 570 001

Mail: info@castelmonastero.com

 

Il sito web del ristorante contrada gordon ramsay

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here