I fratelli Roca del celebre El Celler De Can Roca a Girona aprono un nuovo ristorante: ecco Normal

Si proporrà una cucina artigianale, spontanea, di mercato, realizzata in collaborazione con El Celler De Can Roca. Gli arredi saranno curati dall'industrial designer Andreu Carulla.

0
131
La Notizia

Cresce la collezione di ristoranti dei fratelli Roca che a breve, a Girona, apriranno il Normal, un altro pezzo pregiato da mettere in fila ai già famosi Al Celler De Can Roca, Mas Marroch, Rocambolesc e Casa Cacao. Il nuovo locale sarà ospitato nella centralissima Plaça de l’Oli nel quartiere di Barri Vell a Girona, in uno spazio che in precedenza era occupato da un altro ristorante. Il progetto è stato concepito prima dello scoppio della pandemia, come ha raccontato Josep Roca alla rivista spagnola 7 Canibales. «Da tempo cercavamo un luogo per stabilirci nel Barri Vell. Siamo di Girona e volevamo portare una parte del nostro lavoro nel centro cittadino. Sarà un ristorante pensato per gli abitanti e per coloro che vogliono gustare una cucina più accessibile di quella del Celler». La vicinanza all’Hotel Casa Cacao e al wine bistrot Plaça del Vi 7 (con Roger Viusà e Carles Orta) ha giocato in favore del luogo, per completare l’offerta gastronomica che i fratelli Roca vogliono proporre nella loro città natale. I prezzi oscilleranno tra i 50 e 70 euro a persona. La proposta gastronomica, elaborata in collaborazione con il team di El Celler, è orientata a una cucina più artigianale, spontanea, succulenta e di stagione.

Riguardo al nome − low-profile se paragonato ai nomi degli altri locali dei tre fratelli Roca − niente di spavaldo o eccessivamente sorprendente. Questo è dovuto al desiderio di normalità che professano in questo momento, ritrovando le coordinate nelle quali tutti coloro che amano la faticosa professione dello chef si riconoscono. «Vogliamo rivendicare la normalità di una professione, come hanno fatto la corrente musicale francese e la scuola gastronomica esistente in Francia. Far capire che una cosa all’apparenza normale può essere anche straordinaria», sottolinea Josep Roca. Sebbene non ci sia una data di apertura, i Roca sperano avvenga in tarda primavera, ma è molto più probabile che il ristorante apra in estate, non appena i protocolli e le misure di sicurezza lo permetteranno.

Il Normal, ubicato negli spazi dell’ex ristorante Llevataps rilevato dai Roca, è in buone condizioni. Non ci saranno grandi interventi strutturali da fare. Il locale ha già una cucina ben attrezzata che sarà conservata: saranno aggiunti solo alcuni dettagli negli arredi interni e sarà caratterizzata meglio la parte esterna del locale. Il progetto sarà curato dall’industrial designer Andreu Carulla, il quale ha già collaborato per i format degli altri locali. I lavoratori del precedente ristorante non saranno licenziati e saranno capitanati, in sala da pranzo e in cucina, da due membri di El Celler de Can Roca: lo chef Eli Nolla e il sommelier Quim Cufré. «Ci fidiamo di tutti loro e sappiamo che insieme formeranno una grande squadra», spiega Josep Roca. La capacità ai tavoli tra interno ed esterno dovrebbe essere di circa 45 coperti.

Oltre a questo nuovo progetto, la famiglia Roca ha anche in mente di ampliare, nei prossimi mesi, Casa Cacao. Nonostante le limitazioni causate da Covid e il rallentamento delle attività i Roca non perdono l’ottimismo: «L’esperienza ci ha insegnato che sognare è possibile e vogliamo, con lo stesso atteggiamento di allora, proseguire con ottimismo. È tempo di far ripartire i progetti. Nelle crisi bisogna sempre cercare le opportunità».

Crediti foto copertina: cellercanroca.com

Fonte: 7Canibales