FUD Bottega Sicula: la Sicilia vera di Andrea Graziano è anche a Milano

Street nella forma e very Italian nella sostanza, dal 2018 FUD Bottega Sicula guida i milanesi alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche della propria terra, in un concept dal gusto contemporaneo che unisce con successo qualità e informalità.

0
1090
bottega fud
La Storia

Sharing is caring e FUD lo sa bene, ma probabilmente non lo scriverebbe così: FUD Bottega Sicula, infatti, parla un linguaggio tutto suo, simbolo di un’efficace contaminazione tra classicità e spirito d’avanguardia. Cis Burgher, Uonderful, Biutiful, Suitt Porc, Cicchen Oddog e Niù Orlìns sono solo alcuni esempi di un codice comunicativo spiritoso e irriverente, giocoso e auto-ironico, che rispecchia l’identità del marchio.

FUD apre a Catania nel 2012, per poi conquistare la con-isolana Palermo nel 2015 e sbarcare a Milano nel 2018, in via Casale 8. Il format innovativo d’ispirazione americaneggiante non poteva che fare breccia nel cuore accelerato dei milanesi, i quali, seppur privi di tempo, conservano sempre il buon gusto, non solo quando si tratta di moda. La Sicilia raccontata da FUD è ben lontana dall’immagine stereotipica e anacronistica che spesso viene associata alla regione: FUD si spoglia di “coppola e velo” per scegliere un look agile e confortevole. Poi, se è vero che l’abito non fa il monaco, al di là dello stile easy e spigliato che affiora in superficie, c’è un sostrato di storia, cultura ed eccellenza ben radicato nel ricco panorama enogastronomico della Sicilia.

Rendere fruibile la qualità: questo l’obiettivo di Andrea Graziano, ideatore del brand, pienamente centrato in una formula ristorativa di successo, che soddisfa un pubblico di buongustai ampio e altamente variegato, dal professionista al teenager, dal creativo all’ingegnere, dalla famiglia con bambini all’esperto gourmet, dal siculo DOC all’Imbruttito nato sotto la “Madunina”. La gioia per il cibo e il piacere della buona tavola sono il trait d’union: un filo conduttore semplice, diretto e autentico, che appaga il desiderio di convivialità allietando umore e palato insieme.

A rendere FUD Bottega un’idea vincente e attuale è, oltre alla sua natura pop e top, l’attenzione prestata al fattore umano, che si declina sia nei confronti di collaboratori e dipendenti, sia rispetto a consumatori e fornitori: al centro vi sono le persone, per un modello di ristorazione inclusivo, in grado di generare e accrescere il proprio valore direttamente dall’interno. Un approccio imprenditoriale illuminato, che fonda la propria integrità in un circolo virtuoso capace di generare benessere e soddisfazione su più livelli contemporaneamente.

I “FUD Pipol” vengono selezionati non tanto in base alle proprie esperienze ma soprattutto in base alle proprie attitudini e caratteristiche personali, quali intraprendenza e determinazione. Grazie alla partnership con numerose associazioni umanitarie e la collaborazione con l’amministrazione penitenziaria, FUD si è occupato di inserire nel mondo del lavoro ragazzi con percorsi difficili, rifugiati politici ed ex-detenuti, supportandoli nella propria crescita personale e professionale e favorendone il reinserimento in società. Entusiasmo, focus, riconoscenza e dedizione, a propria volta, impattano positivamente sulla relazione con il cliente, che di FUD apprezza clima, atmosfera e accoglienza oltre che l’eccellenza della materia prima.

Il fattore umano è la chiave anche nel rapporto con i fornitori: Andrea Graziano, insieme al suo team, è riuscito a coinvolgere e aggregare intorno al proprio progetto più di 60 produttori locali, oggi interlocutori e partner appassionati e fedeli. Spesso localizzati in zone agricole remote e inclini a logiche commerciali basate sul passaparola piuttosto che sull’esposizione mediatica, questi artigiani del gusto non sono sempre facilmente raggiungibili e, di frequente, preferiscono conservare rapporti diretti con una nicchia di clienti pur di non depauperare la propria immagine rendendola mass-market. Girovagando in automobile su e giù per le valli, tra le colline e le campagne siciliane, Andrea Graziano è riuscito a farsi conoscere e apprezzare, generando consapevolezza intorno al suo disegno pionieristico, che oggi è un’importante vetrina di visibilità per molte piccole e medie imprese regionali. Con diversi produttori è nato addirittura un legame di reciproca esclusività, in cui l’intera produzione viene ceduta a FUD secondo una strategia win-win che sostiene attivamente lo sviluppo del territorio.

L’ambiente – progettato dallo studio di architettura Balla | Calvagna – rispecchia l’attaccamento alla terra reinterpretando la classicità siciliana: la naturalità di materiali quali il legno, la pietra lavica e il cotto artigianale si abbina a elementi industriali come il compensato marino e l’acciaio grezzo in un locale dal look sobrio e snello. Il cibo diventa protagonista degli arredi, con salse, conserve e vini esposti decorativamente lungo le alte scaffalature appese al soffitto. Il banco di salumi e formaggi invita ad accomodarsi in uno spazio che è, al contempo, bottega e luogo di degustazione. La luce calda e i cosiddetti “social teibols” esprimono ancora una volta l’intenzione che FUD ha di coinvolgere i propri ospiti in un’esperienza fatta di gusto e intrattenimento, conoscenza e convivialità.

Da FUD si possono sperimentare e ritrovare vere chicche della tradizione siciliana, tra cui spiccano il prosciutto di Suino Nero dei Nebrodi, i caprini di capra girgentana (piacevole, vellutato e persistente il sentore balsamico della varietà avvolta nella foglia di fico), la mortadella e il salame d’asino di Chiaramonte Gulfi, oltre alla preziosa Tuma Persa, la cui produzione è stata salvata da FUD grazie alla campagna social #Savetumapersa dopo una frana avvenuta nel mese di novembre 2018 che aveva completamente bloccato la strada di accesso al caseificio Passalacqua. Gli ingredienti di prima qualità che popolano il menu di FUD sono degustabili sia in formato di tagliere, in perfetta ottica sharing, sia come farciture prelibate all’interno di panini o “burgher”, per chi ha fame di street food.

Oggi il marchio conta 5 locali, di cui 2 a Palermo, 2 a Catania e 1 a Milano. L’estero si conferma un’interessante opportunità da esplorare, ma per il momento FUD rimane affezionato alla sua cara Italia, che, in cambio, continua a restituirgli, da Nord a Sud, calorose attenzioni e crescenti soddisfazioni.

Informazioni

FUD Bottega Sicula
Il sito web