Risotto con carciofi alla matticella, vongole e mani di Budda | Daniele Usai

    Ricetta di Daniele Usai: Risotto con carciofi alla matticella, vongole e mani di Budda

    0
    185
    Ingredienti e procedimento

    Ingredienti per 4 persone

    Per la crema di carciofi

    6 carciofi

    Aglio q.b.

    Olio evo

    Menta

    Pepe

    1 scalogno

    Il succo di mezzo limone

    Per il brodo di carciofi

    100 g di sedano

    100 g di cipolla

    100 g di carote

    Pepe nero in grani

    Acqua q.b.

    Per il carbone vegetale

    Gli scarti della pelatura del sedano, carota e cipolla

    Altri ingredienti

    600 g di vongole o lupini di mare

    Zest di mani di budda

    Piccole foglie di menta

    320 g di carnaroli riserva San Massimo

    80 g di burro

    Sale e pepe

    100 ml di vino bianco

     

    Procedimento

    I carciofi alla matticella sono un piatto tipico dei castelli romani, dove è originaria mia madre. Durante la raccolta dell’uva, momento in cui anche i carciofi sono di stagione, questi venivano cotti sotto la brace che veniva mantenuta viva coprendola con foglie di vite.

     

    Per la crema ai carciofi

    Cuocere i carciofi interi in una griglia a carbone fino a quando non saranno bruciati esternamente.

    Pulire i carciofi separando il cuore interno morbido dalla parte esterna bruciata che verrà usata per il brodo. Tagliare la parte interna in pezzi piccoli e metterla sottovuoto sottovuoto con l’aglio in camicia e tutti gli altri ingredienti della crema. Cuocere a vapore ad 85°C per circa 1 ora. Eliminare l’aglio e frullare tutto fino ad ottenere una crema molto liscia.

    Per il brodo

    Lavare e pelare il sedano, la carota e la cipolla, tenere gli scarti per il carbone vegetale. Tagliare le verdure in pezzi grossolani, metterle in una casseruola, aggiungere gli scarti bruciati dei carciofi, il pepe nero in grani e portare a bollore. Lasciare in infusione a circa 85°C per 2 ore. Filtrare ed abbattere a temperatura positiva.

    Per il carbone vegetale

    Mettere in forno a 120°C per 2 ore tutti gli scarti delle verdure. A cottura ultimata scannellare leggermente. Frullare e setacciare ottenendo una polvere sottile. Non bruciare troppo le verdure.

     

    Composizione del piatto

    Tostare il riso in casseruola per circa 4 minuti con un filo di olio evo e sfumare col vino bianco. Far evaporare completamente e portare avanti la cottura del riso aggiungendo poco brodo caldo alla volta. La cottura del riso nell’ultima fase verrà portata avanti con il liquido di cottura dei lupini di mare (aperti semplicemente con fondo di aglio e olio e sgusciati).

    Quando il riso sarà quasi cotto aggiungere la crema di carciofi e regolare di sale e pepe.

    Far riposare il riso fuori dal fuoco per 2 minuti e mantecare al burro cercando di creare un’emulsione perfetta.

    Impiattare il risotto, spolverare con carbone vegetale, guarnire con lupini di mare sgusciati.

    Per completare il piatto una leggera grattata di buccia di mani di Budda e piccole foglie di menta sparse sul riso.

    BSC03630 copia

    Fotografie di @AromiCreativi