Tamara Zanellato

    Piemonte - ITALIA

    0
    125

    Chi sono

    Sono nata a Torino, nel 1986, e tre anni fa ho scelto la Sardegna come mia seconda casa. Sono cresciuta nel ristorante dei miei genitori, e fin da piccola il mondo della cucina mi incuriosiva. Attualmente sono la chef del Masua Beach Club, bellissima struttura sul mare della Sardegna in provincia di Iglesias.

     

    Stile di Cucina

    Creativa, Contemporanea, Regionale Italiana

    Esperienze lavorative precedenti

    Ristorante Gardenia, Caluso (TO), ITALIA

    Eataly, Torino (TO), ITALIA

    Osteria Pepe fresco, Carmagnola (TO), ITALIA

    Bon ton di Pietrini, Susa (TO), ITALIA

    Riconoscimenti

    2019 Best beach club concorso MONDO BALNEARE

    Biografia
    * Contenuti redazionali e fotografici con finalità promozionali

    Sono nata a Torino, nel 1986, e tre anni fa ho scelto la Sardegna come mia seconda casa. Sono cresciuta nel ristorante dei miei genitori, e fin da piccola il mondo della cucina mi incuriosiva.

    Ho iniziato il mio percorso lavorativo a 17 anni e anno dopo anno ho avuto la conferma che la strada che stavo percorrendo era quella giusta.

    Filosofia
    * Contenuti redazionali e fotografici con finalità promozionali

    Nel mio percorso da autodidatta ho avuto la fortuna di incontrare persone che hanno colto in me la voglia di crescere e hanno così scritto capitoli importanti sul libro della mia storia.  La curiosità è diventata passione, la passione è diventata un sogno: riportare alla mente delle persone un ricordo di casa.

    Dopo importanti esperienze nel Nord Italia, sono giunta in quest’Isola, una terra ricca di materie prime da scoprire.

    “Passione. Quel richiamo che arriva da dentro… ricordi del passato… che l’estro di un pensiero creativo traduce in armonie di sapori di una nuova tradizione.”

    Ristorante attuale

    Ristoranti consigliati

    Josto, Cagliari (CA), ITALIA

    Dal Corsaro, Cagliari (CA), ITALIA

    Sa Musciara, Portoscuso (SU), ITALIA

    CONDIVIDI
    PrecedenteGaetano Verde