Giorgio Trovato

    Calabria - ITALIA

    0
    87

    Come cucina lo Chef

    Lo Chef Giorgio Trovato del Ristorante Giardino dei Tolomei in Via Guevara, 6 Racale propone cucina mediterranea con contaminazioni internazionali, partendo sempre dalle eccellenze locali per le materie prime.

    Stile di Cucina

    Internazionale, Contemporanea, Regionale Italiana

    Esperienze lavorative precedenti

    Ristorante Relais Alberti Malamocco, Lido di Venezia, Italia

    Ristorante La Manifattura Lecce, Italia

    Ristorante The Jane, Anversa, Belgio

    Ristorante Villa Curina Resort Castelnuovo Berardenga, Italia

    Ristorante Stefano’s Fine Food Factory Fine dining, Kyev, Ucraina

    Ristorante Il Vicoletto, Dublino, Irlanda

    Biografia
    * Contenuti redazionali e fotografici con finalità promozionali

    Giorgio Trovato è lo Chef del Ristorante Giardino dei Tolomei. Chef Trovato si laurea in Giurisprudenza ma la sua passione per la cucina ha la meglio. Con vari corsi di cucina e un master presso l’Istituto Superiore del Gusto, comincia la sua esperienza come cuoco.
    Vari i suoi stage ed esperienze lavorative come Executive Chef in ristoranti stellati e non, di tutto il mondo: Belgio, Spagna, Irlanda, Ucraina, Toscana, Puglia, Veneto come ad esempio: il Ristorante “AZURMENDI ” chef Eneko Atxa a Bizkaia, in Spagna, La Terrazza – Relais Hotel Villa La Grotta Gaiole in Chianti (Siena), Il Convito di Curina – Relais Villa Curina – Fine dining restaurant Castelnuovo Berardenga (Siena) o The Jane a Antwerp Sergio Herman.

    Nel 2018 Giorgio Trovato diventa l’Executive Chef al Giardino dei Tolomei dove applica e combina tutto ciò che ha imparato nelle varie esperienze nelle cucine internazionali, con una particolare attenzione all’aspetto salutistico della cucina che diventa il suo punto di forza. 

    Filosofia
    * Contenuti redazionali e fotografici con finalità promozionali

    «La mia cucina è ricerca, rispetto delle tradizioni, della storia e della memoria di un territorio: cucinare racchiude in sé il grande dono di accompagnare i momenti unici dei commensali. Il cibo è l’arte del convivio: unisce, appaga, coinvolge i sensi e avvicina le persone. Per questo tutto deve essere assolutamente perfetto». 

    Per Giorgio Trovato il compito di ogni chef è quello di “raccontare” il piatto per offrire la possibilità di degustare e compiere una vera e propria esperienza sensoriale, capace di riportare alla memoria profumi, sapori di un tempo, ricordi del proprio passato che appartengono alla storia di ciascuno legati al cibo. Lo chef presta una particolare attenzione all’aspetto salutistico della cucina. In tale ottica, si colloca la ricerca sull’utilizzo della canapa industriale nella cucina gourmet. Lo stesso chef usa e coltiva la canapa, alimento dalle elevate qualità nutraceutiche (senza l’utilizzo della sostanza psicotropa THC) in due ettari di terreno nel Chianti senese. La canapa è un prodotto eccellente sul piano nutrizionale e per il rispetto della natura e dopo una prima fase in cui ha lavorato sulle consistenze, ora lo chef propone all’interno del menu una serie di piatti in cui la canapa è protagonista.

    Al Giardino è una cucina mediterranea con contaminazioni internazionali.
    L’idea è quella di ricreare con gli ingredienti quella stessa contaminazione di popoli e costumi che ha caratterizzato questa Terra tra due Mari nel corso dei secoli.
    Foto
    * Contenuti redazionali e fotografici con finalità promozionali
    {"autoplay":"true","autoplay_speed":"3000","speed":"300","arrows":"true","dots":"true","rtl":"false"}
    Ristorante attuale
    Ricette

    Ristoranti consigliati

    Ristorante Azurmendi, Larrabetzu, Bilbao, Spagna

    Ristorante Reale, Castel di Sangro, Italia

    Ristorante The Jane, Anversa, Belgio

    CONDIVIDI
    PrecedenteAntonello Sardi
    SuccessivoGaetano Verde