Record gourmet: cena 2 stelle Michelin a 3200 metri d’altezza in funivia. La sfida dello chef Jean Sulpice

Lo chef francese Jean Sulpice, a capo dell’omonimo ristorante 2 stelle Michelin presso l’hootel Auberge du Père Bise, ha deciso di servire una cena speciale sopra una funivia a più di tremila metri d’altezza.

0
78
La notizia

Perché fermarsi a due stelle Michelin quando si può avere una cena con un intero cielo stellato? Jean Sulpice, noto per essere stato il più giovane chef francese stellato all’età di 26 anni, oggi ha deciso di puntare ancora “più in alto”. Dopo le due stelle Michelin del suo ristorante presso l’hotel di Auberge du Père Bise, situato nella baia di Talloires, lo chef ha preparato una cena esclusiva, servita in una delle nuove cabine della funivia di Orelle.

Crediti LP- Thomas Pueyo
Funivia Orelle- Crediti A.Brot – OT Val Thorens-

Chef Sulpice ha voluto celebrare in questo modo l’inaugurazione di due nuove cabine, rese ancora più comode e veloci grazie a un’installazione più moderna. Non è una cosa da poco, d’altronde la funivia si trova nel cuore della valle della Moriana, all’inizio delle 3 Valli, eletto come il più grande complesso sciistico del mondo. Visto il profondo legame tra Jean Sulpice e la montagna, lo chef ha espresso ancora una volta l’emozione che prova nel portare la sua passione dalla cucina alla tavola. Soprattutto con una “tavola” così d’eccezione.

Foto dalla pagina ufficiale dello chef
Foto dal sito web della funivia Orelle

La cena si è svolta a bordo di una tra le due nuove cabine, che sfiora i 3200 metri nel suo punto più alto, all’arrivo alla Cime de Caron. Sulpice non è nuovo a questo genere di sfide dettate dall’altitudine: da grande sportivo, spesso scia e va in bicicletta in montagna, oltre che andare a pesca di pesci d’acqua dolce. Per quindici anni è stato lo chef del Residence Oxalys a Val Thorens, dopo essersi stabilito nella baia di Talloires; poi ha deciso di spostarsi in Val Thorens dopo che si è innamorato di una sommelier che lavorava da quelle parti, Magali, oggi sua moglie. Ora i due vivono “soltanto” a 2.300 metri d’altezza, dove poco più giù lo chef lavora nel leggendario Auberge du Père Bise, dove ha conquistato due stelle Michelin.

Foto dal sito web della funivia Orelle

Per questa esperienza unica in funivia, tenutasi il 19 dicembre, Jean Sulpice ha messo in mostra ancora una volta la sua idea di cucina moderna e creativa, esibendo tutta la sua padronanza sui prodotti e i tempi di cottura in alta quota. In vetta, infatti, gli ingredienti non reagiscono allo stesso modo, vanno riconsiderati i tempi di cottura in base alle basse temperature, la reazione degli alimenti, le evoluzioni e altri parametri teorici. Il 19 dicembre i pochi, fortunati clienti estratti a sorte per partecipare alla cena, hanno potuto provare che Jean Sulpice, anche quella sera, ha vinto la sua sfida, servendo piatti di grande impatto con rivisitazioni dei suoi ingredienti preferiti. L’obiettivo? Omaggiare i produttori locali e la natura, realizzando davvero il ristorante stellato “più alto” del mondo.

Foto dal sito web della funivia Orelle

Fonte: foodandsens.com