Da fattoria rustica a ristorante esclusivo sulla vetta più alta di Washington: la svolta gourmet del The Summit House

Da fattoria di montagna a ristorantino chic, oggi il The Summit House si avvale della consulenza in cucina dello chef Christian Adams. Ecco cosa (e come) si mangia in questo scenografico locale situato sulla vetta più alta di Washington.

0
32
La Notizia

Il The Summit House è il ristorante più alto che si possa incontrare nello Stato di Washington, la cui capitale è Seattle, e si trova a 6.872 piedi di altezza (più di 2000 metri).

Un’esperienza descritta come unica dal sito del ristorante, così come da Leslie Kelly, giornalista free lance che su Forbes ha raccontato la cena vissuta sulla vetta del Monte Rainier, all’interno del Crystal Mountain Resort.

Il locale, ex fattoria riconvertita a insegna gourmet, di solito ha due menù: quello “Indoor” con cinque portate fisse e quello chiamato “Patio”, meno formale, alla carta, che viene allestito nel dehors esterno e che può essere gustato tempo permettendo.

Per arrivare in vetta e visitare il ristorante, c’è bisogno di un viaggio in cabinovia di 10 minuti circa, godendo dei cieli tersi e della vista emozionante che contraddistingue queste altitudini americane nord-occidentali.

Attualmente è fortemente consigliata la prenotazione e non per via delle norme anticovid statunitensi, abbastanza blande in alcuni stati, ma perché il luogo è una meta turistica ambita e sempre affollata di gente, soprattutto nei weekend estivi.

Recarsi in vetta un paio d’ore prima della prenotazione consente di esplorare alcuni sentieri di montagna, il cui fascino naturalistico può essere facilmente compreso dai cultori del trekking e delle camminate nei boschi, dai fotografi vedutisti e dai collezionisti di fiori.

Il The Summit House, ancora oggi definito “fattoria di montagna”, si avvale della consulenza in cucina dello chef Christian Adams, che insieme al suo team ogni sabato sera propone dei menu evento per celebrare le stelle cadenti o le notti di luna piena.

Le quattro portate più il dessert di questi menu sono ad un prezzo fisso di circa 90 dollari, bevande escluse. La lista di vini è focalizzata quasi esclusivamente sullo stato di Washington; tra loro il più costoso è lo Chaleur Blanc 2020, prodotto e venduto da DeLille Cellars a 38 dollari.

 

Ad aprire il menu di mezza estate di Leslie Kelly è stato un polpo alla griglia con lenticchie e salsa romesco, che è a base di nocciole e pepe rosso originaria di Tarragona, in Catalogna. La giornalista, però, è rimasta letteralmente folgorata dall’insalata di broccoli, burrata, funghi tritati e scalogno sott’aceto che l’ha seguito.

Ancor più convincente il salmone selvatico, accompagnato con mais dolce, pomodori e porri burrosi. “Il filetto è stato cucinato alla perfezione, umido e friabile”. La stessa cosa non si può dire della bistecca di ribeye.

Sfortunatamente per lo chef e la sua brigata, è stata servita a temperatura ambiente senza il contorno di piselli descritto dal menu, ha sottolineato Kelly. Il dessert le ha riservato un finale dolce-amaro al palato con dei fichi leggermente arrostiti, appoggiati su una ganache di cioccolato caldo espresso. Un dolce ben bilanciato e che non lascia troppo appesantiti a fine pasto.

Fonte: forbes.it

Foto: Crediti The Summit House

Indirizzo

The Summit House

33914 Crystal Mountain Blvd, Enumclaw, WA 98022, Stati Uniti

Tel: +1 360-663- 3085

Sito Web