I ristoranti Michelin più lussuosi del mondo: la lista completa paese per paese

Dalla Francia alla Corea del Sud, fino agli Stati Uniti: i consigli della Rossa per gustare piatti unici nei migliori luxury restaurants del mondo.

0
314
La notizia

La Guida Michelin ha stilato una lista dei ristoranti e degli hotel più lussuosi ed esclusivi al mondo, per chiunque voglia concedersi una cena indimenticabile e trascorrere una notte in location esclusive e mozzafiato. Ecco le tappe da non perdere, paese per paese:

Francia

Alléno Paris au Pavillon Ledoyen — Parigi

Una vera e propria istituzione della Ville Lumière, uno dei locali più antichi della città che si affaccia sugli Champs-Élysées. La vista che si gode da questo ristorante, unica nel suo genere, segue lo scandire delle stagioni: verde in primavera e d’estate, arancio, rosso e oro in autunno. Si può cenare anche all’esterno seduti attorno ai tavoli che si affacciano sulla Fontaine de Diane.

ristorante Pavillon Ledoyen
Crediti Sebastien Veronese
Crediti Sebastien Veronese
Pavillon-Ledoyen- Crediti Sebastien Veronese

Le Cinq  — Parigi

All’interno del Four Seasons George V,  Le Cinq è una sala da pranzo ispirata al Grand Trianon con lampadari appesi al soffitto a cassettoni e un soffice tappeto sotto i piedi. Le specialità del menu sono i gamberi della baia di Dublino con maionese calda e le frittelle croccanti di grano saraceno.

Germania

Vendôme  —  Bergisch Gladbac (vicino a Colonia)

Crediti Vendôme  —  Bergisch Gladbac

In un magnifico hotel-chateau di più di 300 anni in stile barocco, questo ristorante unisce tradizione e modernità grazie al pavimento in pietra, poltrone rivestite da un morbido tessuto grigio e separè in metallo adorni di cerchi e semicerchi neri e dorati.

Crediti Vendôme  —  Bergisch Gladbac

Come dessert, sono imperdibili la banana con gelato di arachidi caramellate e la ganache di cioccolato al latte speziata Valrhona Jivara.  Se volete pernottare nelle vicinanze potete scegliere il 25hours Hotel The Circle. L’atmosfera del classico stile utopico tardo-modernista della Germania occidentale rende omaggio a un’epoca passata e, al tempo stesso, soddisfa l’occhio del viaggiatore contemporaneo.

Monaco

Le Louis XV – Alain Ducasse à l’Hôtel de Paris — Monte-Carlo

La sala da pranzo di questo ristorante sarebbe forse abbastanza lussuosa anche per lo stesso Luigi XV: intonaci decorati, un enorme soffitto a volta e dettagli rifiniti in oro tanto da sembrare un’ala di Versailles. Qui Alain Ducasse ha forgiato il suo stile, imponendo il suo nuovo classicismo culinario esigente e magistrale, sempre guidato dalla vera essenza degli ingredienti utilizzati.

Crediti Pierre Monetta

Per pernottare un’ottima scelta è l’Hotel de Paris Monte Carlo, noto per aver ospitato (e ospitare ancora oggi) alcuni degli ospiti più esigenti della storia, da Winston Churchill, al romanziere Colette e le principesse Grace e Caroline. Per chi preferisce invece l’atmosfera contemporanea si consiglia il Columbus Hotel Monaco  dall’atmosfera pulita, in toni neutri e sobri:  uno stile che si potrebbe definire residenziale, senza esagerare.

Svizzera

Restaurant de l’Hôtel de Ville  — Crissier, appena fuori Losanna

Crediti Hotel De Ville

Nell’ex municipio di Crissier, lo chef Franck Giovannini guida una talentuosa squadra di 25 chef pronti ad eseguire alla perfezione ricette come la delicata torta di mele rovesciate Gala con gelato alla nocciola tostata.  Per la notte perfetto è l’Hôtel Angleterre & Résidence di Losanna. Dall’esterno, l’hotel sembra un classico resort svizzero, tutto giardini ben curati e facciate in pietra. In realtà, negli spazi interni è molto moderno e ideale per i viaggiatori d’affari.

Cina

Taian Table — Shanghai

Il menu di otto portate dello chef -servito allo chef table da 20 posti- cambia ogni 6-8 settimane e contempla l’aggiunta di due o quattro portate del menu classico o speciale. Il cibo è elaborato e originale.

Crediti Mariu Lonita

The Middle House è la scelta perfetta per chi ama soggiornare in ambienti che si concentrano sull’architettura e il design.  L’ architetto e designer milanese Piero Lissoni ha disegnato gli interni, dove lo stile modernista (quasi monocromatico) viene applicato al linguaggio visivo tipico di Shanghai, con un effetto sorprendente.

Macau

Alain Ducasse a Morpheus Macau

Crediti Alain ducasse at Morpheus

Ogni dettaglio celebra la finezza dei complementi d’arredo francesi, con un tocco di stile asiatico. Il drink di benvenuto è lo champagne private label di Ducasse; il menu dello chef comprende quattro piatti selezionati e rigorosamente accompagnati dal carrello dei formaggi.

Crediti MOOD_ADAM©pmonetta-1981

L’Hotel Mandarin Oriental Macau  è la scelta giusta per chi ama il lusso. Sicuramente più appariscente rispetto allo stile tipico del gruppo alberghiero, ben si adatta alla sua clientela di alto livello.

Singapore

Zen  — Outram

Chi ha la fortuna di sedersi ai tavoli di questo ristorante avrà la sensazione di essere trasportato in Svezia. L’esterno, una bottega del 1926, tipico edificio storico dell’Asia meridionale, nasconde un interno arredato con mobili moderni e minimal. Una cena di otto portate è servita al piano di inferiore mentre caffè e pasticcini si possono degustare nel soggiorno al piano di superiore. Per la notte si può optare per l’hotel Andaz Singapore: eleganza, lusso e futurismo tagliente si fondono in una location a dir poco sontuosa.

Corea del Sud

Gaon Seoul

Crediti Gaon

La sala del Gaon tranquilla ed elegante, così come il servizio raffinato, si rivelano ideali per un viaggio all’insegna del comfort. L’autentica cucina coreana è molto moderna, ma con un DNA tradizionale, così come le ceramiche in cui sono servite le pietanze.

Crediti Park Hyatt

Il Park Hyatt Seoul è invece una struttura dall’architettura moderna a molti piani, con interni sobri e contemporanei e servizi ultra-lussuosi, ideali per riposare dopo una cena al Gaon.

Taiwan

A Cut  — Taipei

Crediti A Cut Taipei

Il bar dall’atmosfera suggestiva è circondato da una cantina che costituisce la base della sua superba carta dei vini. L’elegante sala da pranzo e l’ottimo servizio rendono unica l’esperienza. Tagli di manzo di prima qualità provenienti dagli Stati Uniti e dall’Australia vengono grigliati alla perfezione nella cucina a vista.

Crediti A Cut- Taiwan

Le Palais de Chine è uno degli hotel più esclusivi di Taipei, ideale per chi vuole passare una notte unica e immersa nel lusso. Qui la semplicità orientale incontra lo stile francese con quasi 300 camere e suite arredate con mobili e opere d’arte francesi.

Thailandia

Le Normandie — Bangkok

Questa destinazione del Mandarin Oriental  è la scelta perfetta per coloro che cercano una cucina francese sofisticata. Finestre dal pavimento al soffitto si affacciano sul fiume Chao Phraya regalando agli occhi una vista imperdibile. Ingredienti superbi, tecniche raffinate e combinazioni di sapori sorprendenti sono protagonisti di un’esperienza gastronomica esclusiva.

Crediti Mandarin Oriental Bangkok- La Normandie

Per il pernottamento due soluzioni sono fortemente consigliate:

Park Hyatt Bangkok, progettato per essere una “casa lontano da casa”, ovvero una lussuosa torre con finestre dal pavimento al soffitto con vista sulla megalopoli asiatica.

The Sukhothai Bangkok: esteso su sei acri, il Sukhothai funziona come un’isola di calma in mezzo al trambusto di Bangkok. Giardini, cortili e piscine di loto si nascondono dietro ogni angolo, e il ristorante galleggia su un lago artificiale.

Stati Uniti

Jungsik — New York

Crediti Jungsik

La cucina si può definire come “nuova coreana”, ma alcune delle meravigliose salse proposte in accompagnamento ai piatti non sarebbero fuori posto su una grande tavola francese. Le pietanze sono originali, appaganti ed eseguite in modo impeccabile. Lo spazio è fresco ed elegante; il servizio acuto, appassionato e organizzato. Jungsik è un ristorante gestito con la professionalità che la sua cucina richiede.

Il The Crosby Hotel, il primo hotel negli Stati Uniti di Firmdale, è esattamente ciò di cui avete bisogno per rilassarvi un ambiente speciale a New York City. Dai colori accesi e l’arredamento sfarzoso, offre ai suoi ospiti un’esperienza multisensoriale a 360 °C.

Washington

The Inn at Little Washington – DC

Crediti Park Hyatt-Whashington Dc

L’Inn at Little Washington è una destinazione eccezionale in tutti i sensi. Curata in ogni minimo particolare, la sala da pranzo ricorda un piccolo scrigno decorato rivestito di tappeti, carta da parati lussureggiante, tende pesanti e tappezzeria ingioiellata. Il personale di sala è molto competente e accogliente. Il Park Hyatt Washington DC è perfetto per gli ospiti più esigenti. I suoi interni sono rilassanti, elegantemente Zen, e il suo servizio all’altezza degli standard di un diplomatico.

Fonte: michelinguide.com

Foto di copertina: Crediti Alain Ducasse at Morpheus