Pier Daniele Seu a Roma: riapertura col botto, doppi turni e pioggia di prenotazioni per la sua pizza moderna

La pizzeria Seu Pizza Illuminati è ripartita confermando l’asporto e puntando su più turni per l'elevato numero di prenotazioni, con la solita sinfonia di sapori.

0
227
La Storia

Si può smettere d’aver paura? Probabilmente sì, a leggere i numeri. Sicuramente sì, a leggere il nostro stato d’animo. Occorre tornare nei luoghi del cuore e dello stare bene, dobbiamo respirare, ridere e sorridere, mangiare e ricominciare a progettare. Una esigenza comune per adulti e bambini, per chi ha vissuto le difficoltà emotive, logistiche e economiche scandite dall’emergenza e ora vuole riacquistare, un pezzo alla volta, la libertà che caratterizza la nostra quotidianità. Come fare questo? Tornando ad esempio a pranzare e cenare fuori casa, dopo mesi di impasti e ricerca affannosa del lievito, per apprezzare i piatti a cui siamo affezionati o le nuove idee nate e sviluppate nel periodo trascorso in casa da chef, pizzaioli e pasticceri.

Nel mio caso normalità fa rima con pizza, e pizza con Seu Pizza Illuminati. Il locale di Pier Daniele Seu e di sua moglie Valeria Zuppardo è divenuto in un paio d’anni il riferimento per chi ama impasti di qualità e un interessante lavoro di ricerca che permette di affiancare ai sapori classici alcune moderne ed intriganti soluzioni gastronomiche. Dopo la chiusura forzata Seu è tornato, con tanto di mascherina brandizzata (nel suo stile) e meno tavoli ma non meno clienti, che affollano i due turni ora previsti e contraddistinti dalle norme di sicurezza del caso.

La giovane coppia, protagonista di un interessante percorso professionale partito dal Mercato Centrale e giunto (per ora) fino a Dubai, ha riacceso le luci della propria ammiraglia per riportare il sorriso sul volto degli affezionati clienti. Una riapertura di cui gli amanti della pizza sentivano l’esigenza, per tornare a gustare la pizza “moderna” di Seu, una tipologia in grande sviluppo negli ultimi anni, non solo nella capitale, e che riscuote sempre maggiori consensi negli appassionati e negli addetti ai lavori. Dovendo tener conto delle nuove disposizioni in fatto di sicurezza, poteva esserci il pericolo di imbattersi in un locale stravolto, ma la mia prima visita dopo la quarantena mi ha permesso di riscontrare con grande sollievo che ogni cosa era dove l’avevo lasciata: i profumi, i sorrisi, la convivialità.

La Pizzeria

Cambiare senza snaturare, seguire regole e disposizioni senza perdere la capacità di saper accogliere: gli accorgimenti apportati in sala per la riapertura sono evidenti, dal termo scanner all’entrata al distanziamento tra i tavoli che regalano spazi inusuali in un locale caratterizzato sin dalla sua inaugurazione dal piacevole affollamento di clienti. Il menu è plastificato, i camerieri hanno guanti e mascherina ma riescono a far percepire i loro sorrisi, la disponibilità e la cura sono le solite. Liberarsi dei timori è facile perché l’armonia, uno dei punti di forza del team di Pier Daniele e Valeria, consente di rendere piacevole anche un ambiente indubbiamente diverso per chi lo conosceva da tempo.

I ritmi al forno sono sempre gli stessi, perché anche se il servizio su turni ha spalmato i clienti in un intervallo di tempo più ampio, l’asporto, introdotto nel periodo della quarantena e ora confermato dopo il successo certificato dai numeri, rende continua la produzione di pizze, al solito cotte in forno ed in molti casi terminate al pass con gli ingredienti preparati in cucina da Seu. Il locale è vivo, i clienti affezionati e i nuovi “curiosi” hanno tempestato di chiamate sin dal primo giorno di riapertura, una ulteriore conferma della validità del lavoro svolto prima del periodo dell’emergenza. Il ritorno ad una vivace normalità atteso da tutto lo staff e da chi apprezza la pizza di Pier Daniele Seu.

I Piatti

Il mio rapporto con le pizzerie in età adolescenziale era caratterizzato da un pasto consumo in rapidità e quasi sempre uguale nella sua struttura: fritto, pizza e bibita. Le moderne pizzerie hanno modificato le nostre abitudini e ora in molti locali di concezione moderna la cena è per certi versi comparabile all’esperienza gastronomica in un ristorante. Ma la netto di questa evoluzione, ho conservato un punto fermo: la scelta dei piatti. Parto sempre dai fritti, e da Seu Pizza Illuminati l’offerta cambia spesso grazie alla continua ricerca di nuovi sapori. Questa volta ho optato per un Supplì classico, ottimo per la qualità della frittura, per l’umidità interna e per il sapore nel suo complesso e un Lingotto con carciofo alla romana, un vero e proprio confetto dal cuore inebriante.

Assoluto di cipolla
Come una crespella

La carta delle pizze è quasi sempre suddivisa in categorie: le classiche, le classiche di Seu e le stagionali. Tante proposte nuove meritavano uno sforzo da parte di palato e stomaco e quindi deciso di iniziare un vero e proprio percorso gustativo con la Pollo e peperoni, il cui nome promette angoli da smussare e piacevole rozzezza, e invece conquista per l’inaspettata eleganza. In particolare sorprende la parte aromatica e olfattiva dei peperoni, in tuffo nell’estate. Si prosegue con l’Assoluto di Melenzana, una sorta di umami della felicità, un concentrato di sapore davvero incredibile per equilibrio e intensità.

Origini
Assoluto di carciofi

Si arriva quindi ai “giochi”, alla ricerca di nuove soluzioni, una costante di Pier Daniele: prima l’Innominata, una versione gourmet per portare in tavola la kriptonite d’ogni pizzaiolo (l’ananas) attraverso l’utilizzo della tecnica, un esperimento a mio avviso riuscito; quindi la Pescarita, un gioco di prestigio che trasforma la pesca in altro grazie alla fermentazione. In questo caso probabilmente serve bilanciare un po’ l’acidità ma parliamo di una pizza da provare.

Puntarelle e Alici
Pizza dolce Raffaello

La chiusura è affidata ad un marchio di fabbrica di Seu, la pizza dolce: questa volta opto per la Fior di Fragola, farcita con un riuscito connubio di sapore tra le fragole in osmosi e la crema di ricotta, il tutto completato da un velo di zucchero che diviene caramello grazie alla cottura in forno e far venir voglia di finirla tutta, da solo.

Indirizzo

Pizzeria Seu Illuminati

Via Angelo Bargoni, 10 – 18, 00153 Roma RM

Tel. +39 06 588 3384

Il sito web